IN ONDA

Goleada

Tutto sul calcio umbro

condotto da Fabio Meattelli Goleada è la trasmissione radiofonica dedicata al calcio umbro e non solo.[...]


Info and episodes

PROSSIMO PROGRAMMA

L’abbraccio di pace tra tre colleghe russo-ucraine. La storia di Alona e Inna

In studio Annalisa Marzano 09/03/2021

L’abbraccio di pace tra tre colleghe russo-ucraine. La storia di Alona e Inna

In studio Annalisa Marzano
  • del 09/03/2021 ore 12:40
  • abbraccio pace russo ucraine

    Alona, Inna e Irina si abbracciano per la pace tra i loro popoli

    Нет войне! Ні війні! No war! No alla guerra. È il messaggio di pace che è stato lanciato martedì 8 marzo, giornata internazionale della donna, da tre lavoratrici della Deltafina di Ospedalicchio di Bastia Umbra. Irina, russa di Ivanovo (città a trecento chilometri da Mosca), Inna di Khmelnytskyi (Ucraina), e Alona di Donetsk (Donbass), che ogni giorno lavorano fianco a fianco si sono abbracciate per dire che la pace tra i due popoli è possibile. All’evento hanno partecipato anche il presidente di Deltafina, Domenico Cardinali, la sindaca di Bastia Paola Lungarotti e il presidente della Commissione agricoltura alla Camera dei Deputati, l’onorevole Filippo Gallinella.

    “Le guerre, tutte le guerre sono un orrore, non ci si può voltare dall’altra parte – ha detto Irina -. Siamo particolarmente vicini al dramma della popolazione ucraina che soffre, oppressa dalle bombe e dalla paura. Ci auguriamo che prevalga il dialogo, la mediazione e si raggiunga presto la pace”. “La guerra è la cosa peggiore che abbia mai visto! – dice Alona, scappata dal Donbass nel 2016 – che ha ci ha raccontato la sua storia e il suo arrivo in Italia, con un pensiero alla sua famiglia che è rimasta in Ucraina, con il rischio per i suoi due fratelli, di ritrovarsi nemici in una guerra che ancora nessuno comprende.

    “Una guerra che non è partita per volontà del popolo, ma per la brama di potere – ha detto Inna martedì ai suoi colleghi. Lei è in Italia da quasi 23 anni, scappata prima dello scoppio della guerra ma quando nel paese già c’era la miseria. Anche se la sua città non è ancora teatro di battaglia, la situazione per chi è rimasto li non è semplice. Come poter aiutare dall’Italia? “Non è facile in questo. Ma sarà importante aiutare a ricostruire il nostro paese quando questa guerra sarà finita. Ci sarà bisogno di ricostruire un’intera nazione.

    L’intervista integrale sull’ultimo numero del settimanale La Voce

    Fotogallery

    XL News

    XL News

    L'informazione extra large

    Leggi



    Umbria Radio in Streaming

    Streaming

    Current track

    Title

    Artist