IN ONDA

PROSSIMO PROGRAMMA

Sanità, due scioperi a dicembre: il punto di vista della Cisl Medici Umbria

Annalisa Marzano 11/12/2023

Sanità, due scioperi a dicembre: il punto di vista della Cisl Medici Umbria

Annalisa Marzano
  • del 11/12/2023 ore 11:21
  • Martedì 5 dicembre si è tenuto lo sciopero nazionale di 24 ore proclamato da Anaao-Assomed, Cimo-Fesmed e Nursing Up. Secondo gli organizzatori (le cui sigle insieme raccolgono circa 60 mila professionisti) le adesioni sono state elevate con “punte dell’85%”. “Medici e infermieri uniti nella lotta, la sanità pubblica non si tocca’, è stato questo lo slogan che ha accompagnato la protesta. In Umbria, secondo fonti ospedaliere, le assenze non sono state tali da provocare disservizi nelle due aziende ospedaliere di Perugia e Terni. Un secondo sciopero è in programma lunedì 18 dicembre indetto, questa volta da Aaroi-Emac, Fassid (Federazione Aipac-Aupi-Simet-Sinafo-Snr), Fvm e Cisl Medici. Per lunedì prossimo medici, veterinari, farmacisti, psicologi, biologi e dirigenti sanitari aderenti alle sigle incroceranno le braccia bloccando tutte le prestazioni che sono funzionali, quindi indispensabili, per tutte le altre prestazioni ospedaliere e territoriali, comprese quelle della filiera alimentare. Così le sigle in un comunicato in cui spiegano di dare in questo modo seguito “allo stato di mobilitazione e alla sequenza delle numerose iniziative di protesta finora adottate, più che mai necessarie, per opporci a una manovra che va a danno del Servizio sanitario pubblico, non risponde alle esigenze del personale sanitario, strizza l’occhio al privato e, cosa più grave di tutte, non riduce una lista d’attesa e non tutela la salute dei cittadini”. Ospite di questa putata di XL News, il dottor Tullo Ostilio Moschini segretario regionale della Cisl Medici Umbria.

    XL News

    XL News

    L'informazione extra large

    Leggi



    Umbria Radio in Streaming

    Streaming

    Current track

    Title

    Artist