IN ONDA

logo giornale radio regionale

Giornale radio regionale

L'informazione quotidiana

Il giornale radio regionale di Umbria radio, a cura della redazione giornalistica di Umbria radio e del settimanale <a [...]


Info and episodes

PROSSIMO PROGRAMMA

Gestione dei rischi in agricoltura, il seminario di Condifesa Umbria

Written by on 09/05/2023

Gestione dei rischi in agricoltura, il seminario di Condifesa Umbria

Salviamo il reddito e il raccolto, il titolo dell'incontro di lunedì a Perugia

09/05/2023

Un agricoltore

Un agricoltore

‘Salviamo il reddito e il raccolto’ è il titolo dell’iniziativa che Condifesa Umbria, consorzio di produttori agricoli dell’Umbria per la difesa delle colture intensive, ha organizzato lunedì  a Ponte San Giovanni di Perugia. Un momento di riflessione rivolto agli stakeholders del mondo agricolo: agricoltori, allevatori, intermediari assicurativi e associazioni agricole. Un’occasione per fare, grazie alla presenza di relatori qualificati, una panoramica sulla gestione del rischio in agricoltura e sugli strumenti a disposizione di aziende e agricoltori. Un tema, quello della gestione del rischio in agricoltura “quanto mai attuale – ha spiegato Luca Grasselli, presidente del Condifesa Umbria ospite della trasmissione XL News di Umbria Radio –, anche alla luce di quanto accaduto nella vicina Romagna in questi giorni. Per noi è prioritario informare i nostri agricoltori sull’importanza di dotarsi di strumenti per la protezione del raccolto e quindi del reddito da potenziali danni derivanti da avversità atmosferiche, considerando che stiamo entrando nella fase più delicata delle nostre colture”. In questo senso, il presidente di Condifesa Umbria ha ricordato l’apertura della campagna relativa al tabacco, coltura molto importante in Umbria. All’incontro, insieme a Grasselli, erano presenti Albano Agabiti e Andrea Berti, rispettivamente presidente e direttore di Asnacodi Italia, Giovanni Razeto, dirigente di AgriCAT srl, Francesco Martella, direttore del CESAR, e Mauro Serra Bellini, dirigente Masaf in collegamento streaming.

Come tutelarsi dai rischi in agricoltura

Nel corso del seminario è stato anche presentato l’ultimo strumento nato, AgriCat, fondo mutualistico nazionale al quale aderiscono in automatico tutte le imprese che presentano la domanda Pac, con una trattenuta del 3% del valore degli aiuti diretti. “Agricat – ha spiegato Razeto – nasce perché non c’è una concezione omogenea di gestione del rischio attraverso il mercato assicurativo. È uno strumento che dà alle realtà agricole la possibilità di avere un ristoro nei confronti di danni causati da eventi calamitosi quali gelo, siccità e alluvioni. Non è sufficiente da solo a coprire l’impatto dei grandi cambiamenti climatici ma dà comunque un ristoro rispetto ai costi di produzione. Da qua, è opportuno che l’agricoltore prenda conoscenza di quella che è la tematica di gestione del rischio, alla base della gestione della stessa azienda agricola”. “I rischi ai quali è assoggettata un’impresa agricola sono molteplici – ha spiegato Martella – da quelli legati alle avversità atmosferiche, a quelli dovuti alle oscillazioni repentine dei dei prezzi. Di fatto sono rischi gestibili e l’agricoltura ha il vantaggio di essere l’unico settore che ha la possibilità di avere una contribuzione pubblica per l’adozione di strumenti per attutire questa tipologia di rischi. In particolar modo, abbiamo lo strumento assicurativo che ha un contributo sul costo fino al 70% che va a coprire tutti i rischi climatici che può subire una produzione agricola. Anche per il settore zootecnico, le aziende agricole che hanno allevamenti, può contare su polizze per gestire danni da epizoozie”. Durante l’incontro è stata anche ribadita l’importanza per le singole aziende di far parte di una rete e di poter contare su un soggetto unico aggregativo come il Consorzio di Difesa che fa parte di ASNACODI ITALIA, associazione nazionale dei Condifesa. “I Condifesa sono stati eccezionali – ha spiegato Berti – nell’evoluzione degli strumenti di gestione del rischio, l’Italia è l’unico Stato europeo che si è dotato fin dagli anni 70 di strumenti aggregativi per riuscire ad avere un’interlocuzione con Ministero, compagnie assicurative e soggetti forti in maniera organizzata. Adesso l’Italia sta cercando come settore di accompagnare le imprese in una strategia di gestione del rischio, in una fase di risk management. Il sistema cerca di aumentare la resilienza, di aumentare la sostenibilità delle attività produttive in una logica di riduzione degli effetti economici”.

Risarcimenti per danni in Umbria nel 2022

E proprio in questi termini, a chiusura dell’incontro, sono stati ricordati alcuni dati della campagna 2022 per i soci del Condifesa Umbria: sono stati erogati risarcimenti per circa 11,87 milioni di Euro, per danni da avversità atmosferiche; rispetto alle colture danneggiate sono stati risarciti danni per 6,7 milioni di euro circa sulla coltura tabacco, 2 milioni per il settore uva da vino, 746 mila euro per il settore frutta, 493 mila euro per il settore cereali (frumento, orzo ecc), 288 mila euro per danni al pomodoro, 253 mila euro per danni alle nocciole, 218 mila euro per danni ad olive da olio.

 


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist