In Umbria tornano le 'Giornate Fai di primavera'

Written by on 21/03/2017

In Umbria tornano le 'Giornate Fai di primavera'

21/03/2017

PERUGIA – Con l’ultimo fine settimana di marzo, tornano puntuali le Giornate FAI di Primavera, la manifestazione organizzata dal Fondo Ambiente Italiano. Sabato 25 e domenica 26 marzo, si darà la possibilità di visitare luoghi solitamente non accessibili al pubblico, e raccogliere fondi per la loro salvaguardia. Giunte alla XXV edizione, anche quest’anno coinvolgeranno la nostra regione attraverso diverse iniziative organizzate dalle Delegazioni e Gruppi dell’Umbria, grazie all’impegno di tanti volontari e di guide d’eccezione, gli Apprendisti Ciceroni, giovani studenti delle scuole umbre che illustreranno aspetti storici e artistici di luoghi e monumenti.
L’appuntamento più atteso a Spoleto, dove sarà possibile visitare il Deposito di Santo Chiodo: ideato dopo il sisma del ’97,ospita molte delle opere d’arte (circa 5mila reperti) salvate dal terremoto. Occasione, questa,  per apprezzare l’importante lavoro svolto, anche recentemente, da Ministero dei Beni Culturali, forze dell’ordine, Vigili del Fuoco e Protezione civile.
A Perugia, si potrà apprezzare la sede del Consiglio Regionale di Palazzo Cesaroni , ma anche, visite guidate alla Fontana Maggiore a cura del Prof. Franco Ivan Nucciarelli, e a Villa Monticelli, situata su uno sperone roccioso, da dove si potrà godere di un’ottima vista sull’acropoli perugina. E sempre a cura della Delegazione Fai del capoluogo tappa a Corciano, nella chiesa gotica di San Francesco per la mostra Terr’amata, percorso attraverso installazioni materiche, visive e sonore realizzate dagli studenti del Liceo artistico Bernardino di Betto di Perugia, dedicato all’evento sismico che ha colpito il centro Italia .
Ad Assisi, la Chiesa di San Paolo delle Abbadesse, la Cittadella della Pro Civitate Christiana, il Bosco di San Francesco (gestito dal Fai), il Complesso benedettino di Santa Croce (dove si terrà un concerto lirico vocale con brani d’opera di Mozart, Rossini e Donizetti), l’Acquedotto del Sanguinone(dove a guidare la visita, sarà il sindaco Stefania Proietti).
Sul Lago Trasimeno a Magione, la Sala del Consiglio, il Palazzo Comunale, il Castello dei Cavalieri di Malta e la Torre dei Lambardi.
A Foligno, Palazzo Vitelleschi, Palazzo Monaldi Barnabò, Palazzo Andreozzi (sede della Biblioteca Jacobili).
A Spello i Mosaici della Villa romana di Porta Sant’Anna.
A Umbertide Palazzo Porrozzi,e la Casa padronale Santini Savelli, con affreschi dei primi del Novecento.
A Città di Castello l’Abbazia benedettina Badia Petroia, la Pieve di Canoscio, l’Oratorio di San Crescentino (che custodisce un ciclo di affreschi attribuiti a Luca Signorelli) e l’Eremo di Buonriposo, noto nell’Ottocento per le proprietà benefiche delle sue sorgenti di acqua acidula.
A Gubbio l’Abbazia e il Castello di Vallingegno, legati numerosi fatti della vita S Francesco.
A Gualdo Tadino l’Abbazia di San Pietro, immersa in una tenuta di circa 550 ettari di estensione, tra colline, corsi d’acqua, vallate e zone boschive.
A Terni, Villa Mattioni-Giubilei a Papigno, Palazzo Mariani e la ‘dimora’ della Camera di commercio
Infine ad Amelia il protagonista sarà il centro storico con visita dei saloni affrescati di Palazzo Cansacchi, costruito su un basamento di mura romane e altomedievali, caratterizzato da stilemi del XV e XVI secolo e da pregevoli fregi.
 
 


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist