IN ONDA

Playlist musicale


Raccolta di brani italiani e stranieri ! tutte le ultime uscite musicali in un programma veloce e brillante


Info and episodes

Perugia, insulti agli specializzandi: scatta l’indagine interna

Written by on 29/10/2022

Perugia, insulti agli specializzandi: scatta l’indagine interna

Accertamenti delle Direzioni del Dipartimento di Medicina e chirurgia dell' Università degli Studi di Perugia e dell'Azienda ospedaliera di Perugia

29/10/2022

(foto d'archivio)

(foto d'archivio)

La voce, di donna, è forte e chiara: “te lo devo dire io che ti devi interessare al paziente? c… che me rispondi?”; “questa deficiente…”; “il vostro sentimento dovrebbe essere di sentirsi totalmente inadeguati… che c… che siamo”; “venite qui a fare finta… vi mettete camice e fate i camerieri”; “non ho finito la visita per non saltarti addosso per la rabbia che mi fai…”. Per l’Associazione liberi specializzandi una “antologia di insulti” rivolti ad alcuni allievi della Scuola di specializzazione di Neurologia dell’ Università di Perugia dalla direttrice Lucilla Parnetti. Un’ accusa formalizzata in una mail, con allegati circa cinque minuti di audio, ai vertici dell’ Ateneo e dell’Azienda ospedaliera, all’Ordine dei medici e al loro rappresentante nell’ Osservatorio della formazione medica e specialistica ma anche alla Procura della Repubblica e all’ Ispettorato del lavoro.

Accertamenti interni

Iniziativa che ha fatto “tempestivamente” scattare “accertamenti interni” delle Direzioni del Dipartimento di Medicina e chirurgia dell’ Università degli Studi di Perugia e dell’Azienda ospedaliera di Perugia. “Volti alla verifica puntuale dei fatti contestati, per quanto di rispettiva competenza” spiegano il direttore del Dipartimento di Medicina e chirurgia, Vincenzo Nicola Talesa, e il direttore generale dell’ Azienda ospedaliera di Perugia, Giuseppe De Filippis. Al momento non ci sarebbe invece alcun atto formale da parte della magistratura che potrebbe valutare la situazione nei prossimi giorni. “Siamo stati contattati da alcuni giovani e abbiamo chiesto loro di documentare quanto sostenevano” ha detto il presidente di Als Massimo Minerva. “Abbiamo ricevuto – ha aggiunto – audio per 20 ore e una sintesi di circa cinque minuti è stata allegata alla mail. Parliamo di medici in formazione, non di bambini cattivi. Qui e in altri casi che abbiamo denunciato manca la cultura del rispetto”.

Mail contestate

L’ Associazione ha richiamato anche la vicenda di Sara Pedri, ginecologa di Trento scomparsa da mesi. “Il nostro intento – si legge nella mail – è segnalare alle Autorità in indirizzo questa incresciosa situazione per una rapida risoluzione della stessa e per evitare che eventi analoghi si ripetano”. Con l’ invito a chi deve occuparsi della vicenda “a non volgere la testa dall’ altra parte”. Nella mail vengono contestati anche gli orari di lavoro degli specializzandi, sostenendo che “in un singolo mese sono state effettuate più di 340 ore”. Per l’ Als quanto a suo avviso documentato “mostra un comportamento disumano e illegale”. La direttrice della Neurologia, a Perugia medico e ricercatrice stimata e di lungo corso, al momento preferisce restare in silenzio. Saranno ora gli accertamenti a portare le autorità ad accertare eventuali responsabilità.


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist