SMU MMXX.Per il Festival, bilancio conclusivo più che positivo

Written by on 14/09/2020

SMU MMXX.Per il Festival, bilancio conclusivo più che positivo

14/09/2020

PERUGIA- Bilancio più che positivo per la Sagra Musicale Umbra 2020 (SMU MMXX), il festival dedicato alla Musica sacra con più antica tradizione in Italia, giunto quest’anno alla sua 75esima edizione. Un cartellone che si è svolto dal 3 al 13 settembre tra Perugia, Spoleto e Norcia, dedicato quest’anno ai duecentocinquant’anni dalla nascita di Beethoven sotto l’insegna di Ludwig. La libertà sopra ogni cosa. Diciassette concerti in dieci giorni, in cui c’è stata una grande risposta di pubblico negli eventi svolti (praticamente tutti sold out), nonostante le limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria da Covid 19.

Questo, grazie alla puntigliosa organizzazione che ha permesso di svolgere tutti gli spettacoli nella massima sicurezza e nel rispetto dell’attuali normative. Un importante segnale, a dimostrazione della costante voglia di ascoltare musica di qualità dal vivo.

“Un’edizione -ha commentato Anna Calabro, Presidente della Fondazione Perugia Musica Classica, promotrice della Sagra- dove si è rafforzato ancor di più il valore della musica come moltiplicatore di esperienza di comunità, fondamentale in questo momento difficile”.

A mettere il sigillo finale alla 75esima edizione, l’appuntamento di sabato 12 settembre, ai Giardini del Frontone a Perugia, che ha visto protagonista il violinista-compositore Florian Willeitner assieme all’Orchestra da Camera di Perugia. Un concerto, in cui, una delle personalità più originali nell’attuale panorama musicale, ha proposto alcune celebri rivisitazioni di celebri pagine di Antonio Vivaldi e Wolfgang Amadeus Mozart, coniugate nel contemporaneo tra minimalismo, musica irlandese e balcanica e jazz. Un programma,  iniziato con l’Allegro dalla Serenata Eine kleine Nachtmusik K. 525 di Mozart, passando per Mozart in the shape of Europe; Recomposed: Vivaldi, The Four Seasons (del 2012) di Max Richter (rilettura in chiave postmoderna de Le Quattro Stagioni di Vivaldi); fino a una composizione dello stesso Willeitner, Valentinair (o L’aria di Valentina).

Caratteristica della SMU MMXX sono state, senz’altro, le aperture al contemporaneo come nel concerto di sabato 12, ma soprattutto, come dicevamo, l’omaggio a Ludwig Van Beethoven. Nel duecentocinquantesimo anniversario della sua nascita, il Direttore Artistico Enrico Bronzi ha messo insieme un cartellone dedicato all’ideale caratterizzante il celebre compositore, La libertà sopra ogni cosa. Diverse, sono state tante le occasioni per approfondire il pensiero artistico e filosofico di Beethoven, il quale con le sue opere continua a dirci che la libertà non è fare ciò che si vuole, ma è piuttosto un punto di arrivo, un premio per chi sappia rinnovare la lettura della realtà che lo circonda.
Dal progetto che ha coinvolto  Olaf John Laneri insieme a  Filippo Gamba con l’esecuzione integrale delle 32 Sonate per pianoforte di Beethoven (ultimo appuntamento domenica 13 alle ore 12.15 nel Chiostro della Basilica di San Pietro), all’anteprima assoluta del racconto-concerto The Young Beethoven, con testo e drammaturgia di Sandro Cappelletto e musiche di Ludwig van Beethoven eseguite al pianoforte da Marco Scolastra.

Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist