IN ONDA

PROSSIMO PROGRAMMA

  • 20:30

Ricostruzione post sisma, altri finanziamenti per l’Umbria

Written by on 14/11/2023

Ricostruzione post sisma, altri finanziamenti per l’Umbria

Dalla cabina di coordinamento sisma 2016, fondi per il Sacro Convento di Assisi e chiesa di Todi

14/11/2023

Sacro Convento di Assisi

Sacro Convento di Assisi (Foto profilo Facebook SanFrancescoDAssisi)

Si è riunita lunedì la cabina di coordinamento sisma 2016 che, su richiesta della presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, ha deciso di finanziare altre due opere facenti parte del “Programma stralcio degli edifici di culto per l’ottavo centenario dalla morte di San Francesco D’Assisi, Patrono d’Italia”. Gli ulteriori fondi per la ricostruzione riguardano le mura esterne del Sacro Convento e la chiesa di Santa Maria a Montesanto di Todi. Nel corso della riunione – spiega Palazzo Donini in una nota -, sono state inoltre approvate le modifiche alla ordinanza speciale numero 43 del 31 dicembre 2022 inerente l’abitato di Campi Alto di Norcia, disponendo un maggiore finanziamento di oltre due milioni di euro per il recupero del “rifugio escursionistico” del grande anello dei Sibillini, che era rimasto fuori dalla perimetrazione della frazione. La cabina di coordinamento ha anche rimodulato gli interventi sulla chiesa San Francesco di Norcia e sugli uffici della casa di riposo Fusconi-Lombrici, nonché di alcuni interventi di Scheggino. Si è inoltre preso atto che l’Ufficio Speciale Ricostruzione Umbria diventa soggetto attuatore del nuovo cimitero di Preci-Sant’Eutizio. Rinviate alla prossima cabina di coordinamento, in programma il 23 novembre, le modifiche all’articolo 27 (Trasformazione delle delocalizzazioni temporanee in definitive) del Testo unico in tema di delocalizzazione definitiva degli immobili gravemente danneggiati. Soddisfatta la presidente Tesei che, parlando dei risultati ottenuti, spiega “ci consentono, grazie all’impegno e alla determinazione ad accelerare la ricostruzione, di procedere con un ulteriore tassello e restituire alle nostre comunità beni culturali, servizi, borghi non solo in sicurezza, ma valorizzati e con accresciute funzionalità”.

Misure per semplificare la ricostruzione

“La Cabina di coordinamento sisma 2016, con la collaborazione fondamentale delle Regioni Abruzzo, Marche, Lazio e Umbria, ha introdotto nuove e ulteriori misure di semplificazione dirette a rendere più celere la ricostruzione dei territori danneggiati. Così il commissario straordinario alla ricostruzione post terremoto, Guido Castelli ha annunciato la decisione di “sviluppare meccanismi di accorpamento delle gare pubbliche che, secondo una logica di efficienza, aggreghi interventi omogenei o limitrofi in lotti unitari e favorisca lo strumento dell’accordo quadro comprimendo i termini procedurali”. Castelli ha parlato di “logiche di progettazione e gestione unitaria degli interventi che, specie nei comuni più devastati, presentano una complessità riconducibile alle interferenze tra proprietà pubbliche e private”. Un “cambio di passo impresso alla ricostruzione” spiega il commissario al quale però “per mantenere il giusto ritmo, è necessario garantire un’attenzione costante all’esigenza di semplificare e velocizzare le procedure”. Le ordinanze adottate lunedì in cabina di coordinamento, secondo Castelli, servono per intervenire in modo “puntuale su situazioni che necessitano di soluzioni specifiche o risorse aggiuntive” ampliando gli interventi che possono avvalersi degli strumenti offerti dalle Ordinanze speciali in deroga.


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist