IN ONDA

PROSSIMO PROGRAMMA

  • 20:30

Terni, giovane detenuto morto dopo un incendio nella sua cella

Written by on 31/05/2023

Terni, giovane detenuto morto dopo un incendio nella sua cella

Sono in corso indagini da parte della polizia penitenziaria di Terni, con il coordinamento della procura della Repubblica

31/05/2023

Il carcere di Terni

Il carcere di Terni

Un detenuto del carcere di Terni è morto dopo che, secondo una prima ricostruzione, avrebbe appiccato un incendio all’interno della propria cella, posta nella sezione G ‘accoglienza’, rimanendo intossicato dal fumo. Si tratta di un trentacinquenne originario del nord Africa che doveva rispondere di reati connessi agli stupefacenti. Inutili i soccorsi portati dai sanitari che hanno tentato di salvare la vita al trentacinquenne. Nell’accaduto sarebbero rimasti lievemente intossicati anche altri detenuti. Sono in corso indagini da parte della polizia penitenziaria di Terni, con il coordinamento della procura della Repubblica.

Tragedia annunciata

Parla di “tragedia annunciata” il sindacato autonomo di polizia penitenziaria Sappe per la morte nel carcere di Terni di un detenuto rimasto intossicato in seguito all’incendio da lui stesso appiccato all’interno della propria cella. “Siamo amareggiati e incavolati neri – dice il segretario per l’Umbria, Fabrizio Bonino – perché questa è una tragedia annunciata ed è anche la conseguenza di una sottovalutazione alle continue sollecitazioni di intervento che facciamo da mesi. Un uomo che perde la vita durante la detenzione è sempre una sconfitta per lo Stato: e questo nonostante il personale di polizia penitenziaria abbia fatto di tutto per evitarlo”. Bonino ha spiegato che la vittima è “uno straniero con problemi psichiatrici il quale ha dato fuoco a tutto quello che aveva in cella ed in pochissimo tempo è stato sopraffatto dalla fiamme e dal denso fumo nero che si è propagato”. “A fatica i poliziotti presenti e quelli arrivati di rinforzo, anche liberi dal servizio – ha aggiunto -, sono riusciti a intervenire, rimanendo anche intossicati, ma purtroppo non c’è stato nulla da fare. Non vi erano avvisaglie che il detenuto avrebbe potuto compiere l’insano gesto. Era stato assegnato qui dal provveditorato regionale della Toscana e l’altro ieri aveva avuto un’udienza in Liguria”.

Il garante

“Non si può più assistere a questa strage silenziosa di morti violente nelle carceri e rimanere inermi”: lo sottolinea il garante della Regione, l’avvocato Giuseppe Caforio, dopo la morte di un detenuto in cella a Terni. “La situazione delle carceri umbre è divenuta drammatica” aggiunge commentando con l’Ansa quanto successo. “Alle carenze croniche di personale, particolarmente grave quella di Terni che ha il peggior rapporto fra numero di poliziotti penitenziari e detenuti – afferma Caforio -, si aggiunge un flusso incessante di detenuti trasferiti da altre carceri con gravissimi problemi di personalità quasi sempre di natura psichiatrica”.


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist