Depositi bancari in Umbria, Orvieto si piazza davanti a tutti

Written by on 02/01/2021

Depositi bancari in Umbria, Orvieto si piazza davanti a tutti

La 'Città della Rupe' è in testa 26mila 273 euro di depositi per abitante; al secondo posto Perugia, quindi Città della Pieve, Norcia e Magione. Deludono Terni e Assisi

02/01/2021

Uno sportello bancario

PERUGIA- È Orvieto il comune umbro più liquido, quello che presenta il valore più elevato a livello di depositi bancari medi per abitante (neonati e ultracentenari inclusi). Questo, è quanto risulta dai dati forniti a livello comunale dalla Banca d’Italia ed elaborati dall’Agenzia Mediacom043, diretta da Giuseppe Castellini.

Orvieto batte tutti, 26mila 273 euro di depositi per abitante, contro una media regionale di 14mila 285 euro. In altre parole, nella Città della Rupe i depositi bancari per abitante sono dell’83,9% più elevati di quelli medi dell’Umbria, 11mila 988 euro in più per ogni residente.

Vale chiarire, che i depositi sono la forma più liquida di detenere ricchezza da parte di famiglie e imprese, riguardando principalmente conti correnti, ma anche investimenti finanziari diretti di breve periodo. Insomma, ricchezze monetarie che sono immediatamente disponibili o quasi.

Dietro Orvieto, e distanziata, al secondo posto Perugia (24mila 344 euro medi per abitanti, con un indice di 170,4, fatta 100 la media regionale). Il quintetto dei comuni umbri con i depositi bancari medi più elevati rispetto agli abitanti, si completa con Città della Pieve (21mila507 euro, +50,6% rispetto al dato regionale), Norcia (21mila 342 euro, indice 149,4) e Magione (18mila 408 euro, indice 128,9).

I coda, tra i municipi con la presenza di almeno tre sportelli bancari, i cinque comuni con meno depositi per abitante sono, nell’ordine, Nocera Umbra (7mila 085 euro, il 50,4% meno della media regionale), Gualdo Tadino (7mila 070 euro, il 43% in meno del dato regionale), Marsciano (8mila 500 euro, indice 59,5 fatta 100 la media regionale), Narni (8mila 506 euro, indice 59,5) e Bettona (9mila 470 euro, indice 66,3).

In coda anche i comuni riservati, che a livello aggregato presentano una media di 5mila 171 euro di depositi bancari per abitante, ben il 63,8% meno della media regionale.
Tra i comuni superiori alla media regionale troviamo, oltre al quintetto di testa già presentato, anche Panicale (18mila 247 euro, indice 127,7), Fabro (18mila 168euro, indice 127,2), Giano dell’Umbria (17mila 386 euro, indice 121,7), Spello (16mila 967 euro, indice 118,8), Bastia Umbra (16mila 583 euro, incide 111,1), Città di Castello (16mila 244 euro, 113,7) e Spoleto (15mila 712 euro, indice 110).
Todi è sotto la media regionale, ma di poco (14mila 113 euro, indice 98,8). Quindi, Castiglione del Lago (14mila 049 euro, indice 98,4) e Foligno (13mila 532 euro, indice 94,7).
Delude Terni, che con 13mila 139 euro per abitante ha un valore medio di depositi per abitante dell’8% inferiore alla media regionale (e del 46% inferiore al dato di Perugia, dove i depositi per abitante sono superiori di 11mila 205 euro per abitante), ma comunque un valore superiore a quelli di altre realtà sopra i 10mila abitanti come Assisi (12mila 294 euro, indice 90,5), San Giustino (12mila 877 euro, indice 90,1) e Umbertide, che con 11mila 431 euro è sotto del 20% rispetto alla media regionale.
Gubbio, altra realtà superiore a 10mila abitanti, è ancora più sotto, con 10mila 710 euro, un dato inferiore del 25% a quello medio regionale. Subito sopra, da segnalare Deruta (10mila 879 euro, indice 76,2).
La situazione, prima dei cinque municipi con i depositi bancari medi per abitante più bassi già citati, vede valori via via discendenti per Corciano (10mila 499 euro, indice 73,5), Passignano sul Trasimeno (9mila 673 euro, indice 67,7) e Trevi (9mila 654 euro e indice 67,6).
A livello provinciale, netta prevalenza di Perugia su Terni.
Nella provincia di Perugia, infatti, i depositi bancari in media ammontano a 15mila 203 euro per abitante (indice 106,4 fatta 100 la media regionale, il 30,8% in più del valore che presenta la provincia di Terni (11mila 627 euro, indice 81,4 fatta 100 la media regionale). Tra la provincia di Perugia e quella di Terni, in altre parole, a favore della prima ci sono 3mila 576 euro di depositi bancari per abitante.

 


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist