Turismo, il 'Viaggio nel paradiso della Sibilla' ha fatto centro

Written by on 04/07/2017

Turismo, il 'Viaggio nel paradiso della Sibilla' ha fatto centro

04/07/2017

CASTELLUCCIO DI NORCIA- La formula del trekking consapevole convince e vince. La tre giorni, svoltasi tra venerdì 30 giugno e domenica 2 luglio, tra Castelsantangelo sul Nera e Castelluccio di Norcia, Viaggio nel paradiso della Sibilla promossa da Umbriameteo, dalla cooperativa La Mulattiera di Norcia e dalla Community Istagram Flip Italy con il patrocinio del Club Alpino Italiano e Legambiente, ha infatti riscosso un grande successo tra gli escursionisti. L’idea di affiancare alle più tradizionali escursioni anche dei momenti didattici per conoscere meglio quelle splendide terre che rispondono al nome di Sibillini, ha appassionato i gruppi provenienti da Milano, Firenze, Ancona, Bologna, Pesaro, Rieti, Viareggio, La Spezia e Ascoli Piceno, oltre che da Perugia, Terni, Foligno e Spoleto. Rimasti affascinati dalle lezioni di geologia del professor Francesco Brozzetti dell’Università di Chieti, da quelle naturalistiche con l’esperto dell’Università di Perugia Angelo Barili e da quelle meteorologiche con Massimiliano Squadroni, i partecipanti hanno così scoperto, ed in alcuni casi riscoperto, il meraviglioso mondo della Sibilla, immortalandolo grazie ai consigli dell’esperto dell’immagine Giovanni Galardini. Macchina fotografica al collo e zaino in spalla, gli escursionisti si sono immersi a pieno in quella natura incontaminata che, nonostante il sisma, ha mantenuto il proprio fascino e la propria bellezza. Partiti da Castelsantangelo sul Nera,  il gruppo di oltre venti partecipanti si è messo in cammino nella mattinata di venerdì scorso e neanche la pioggia, caduta copiosa dopo settimane di caldo e siccità, ha scalfito i sorrisi e gli sguardi affascinati di chi ha deciso, con la propria presenza, di contribuire alla rinascita di quei luoghi meravigliosi, ancora interdetti ai più. Dalla Val di Canatra a Palazzo Borghese, passando per il Pian Grande e fino a raggiungere Forca di Gualdo per le celebrazioni della Madonna della Cona, gli escursionisti hanno osservato da vicino le faglie provocate dal sisma, hanno studiato la flora e la fauna di quelle terre e i cambiamenti meteorologici, sono stati testimoni privilegiati della fioritura, ed hanno condiviso indimenticabili momenti conviviali. Un’esperienza unica, fatta di grandi emozioni, che ha visto intrecciarsi le storie di uomini e donne, giovanissimi ed adulti, provenienti da tutta Italia ed anche dall’Inghilterra, uniti dalla passione per la montagna e dall’amore per la Valnerina, che oggi gli rende grazie. La loro presenza ha infatti permesso alle pochissime strutture ricettive ancora in attività di tornare a sperare in un futuro roseo, dopo che il terremoto ha distrutto case e alberghi, bar e ristoranti. E seppur ci sia ancora tanto da fare, forse troppo, l’arrivo del gruppo e il suo soggiorno per l’intero fine settimana in quei luoghi è stato senza dubbio un segno di speranza. Alla fine del viaggio, nella serata di domenica, prima del ritorno a casa e alla quotidianità, gli escursionisti hanno messo nei loro zaini sorrisi e ricordi e si sono dati l’arrivederci. Sì, perché il Viaggio alla scoperta del paradiso della Sibilla è stata solo la prima tappa di un percorso a cui gli organizzatori vogliono dare un seguito. La promessa è quella di rivedersi, di nuovo lì, nel cuore dei Sibillini per far sentire ancora una volta la propria vicinanza a quelle terre che ora stanno provando a rialzarsi dopo i mesi bui del sisma.
 


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist