IN ONDA

PROSSIMO PROGRAMMA

  • 20:30

'Festival delle Corrispondenze'. Dal manoscritto al digitale

Written by on 30/08/2017

'Festival delle Corrispondenze'. Dal manoscritto al digitale

30/08/2017

MAGIONE (PG)- Un percorso tra mostre, convegni, presentazioni di libri, spettacoli teatrali e musicali in antiche ville, vicoli, piazzette, con un unico tema comune, la lettera e tutte le sue derivazioni più contemporanee: sms, email, fino ai moderni geroglifici, smile ed emoticon, passando per l’inevitabile presenza dei social network. Il tutto, in un unico ed  incantevole luogo, un piccolo borgo affacciato sul lago Trasimeno. Parliamo, della sesta edizione del Festival delle Corrispondenze in programma a Monte del Lago di Magione dal 1 al 3 settembre, un viaggio tra passato e presente incentrato su quelle piccole, grandi storie impresse nella carta, che il tempo non ha saputo cancellare. Un format originale e unico nel contesto italiano, espressione del territorio ma in grado di confrontarsi con il panorama culturale internazionale; un ricco cartellone di appuntamenti, in grado di parlare dei grandi temi di attualità, di ripercorrere fatti e vicende del passato, di conoscere il meglio delle pubblicazioni di carteggi e corrispondenze anche grazie al Premio Letterario Nazionale Vittoria Aganoor Pompilj, riservato a lettere e carteggi, punto di riferimento del settore per le grandi e piccole case editrici; iniziativa, giunta alla XVIII edizione, la cui cerimonia di premiazione si svolgerà nel pomeriggio di domenica 3 settembre.
Ad inaugurare questa edizione del Festival delle Corrispondenze, sarà venerdì 1 settembre alle ore 16.00 la conferenza dal titolo La penna, il tasto e il mouse. L’evoluzione della comunicazione epistolare, a cui prenderanno parte i rappresentanti delle istituzioni locali e regionali. A seguire, l’apertura della mostra allestita nelle sale di Villa Aganoor QWERTY. La rivoluzione della scrittura meccanica organizzata in collaborazione con il Museo della macchina da scrivere di Milano, collezione Umberto Di Donato. In esposizione, macchine da scrivere appartenute a noti personaggi quali Francesco Cossiga, Matilde Serao, Camilla Cederna (accompagnate da scritti degli stessi), oltre a macchine in alfabeto cirillico, cinese, arabo, ebraico, braille e altre dal mondo. Nella giornata di sabato 2, invece, in collaborazione con l’ISUC, Istituto per la Storia dell’Umbria Contemporanea, e il Museo Regionale dell’Emigrazione Pietro Conti, si svolgerà una giornata di studi dedicata alle lettere degli emigrati. A parlarne saranno Fabio Caffarena e Carlo Stiaccini, dell’Archivio ligure della scrittura popolare e Centro internazionale studi emigrazione; Patrizia Marchesoni, dell’ archivio della scrittura popolare presso il Museo storico di Trento; Alberto Sorbini, dell’ISUC; Maria Grazia Salonna, ricercatrice di storia locale. Coordinerà l’incontro Maurizio Tarantino, Direttore della Biblioteca Classense di Ravenna.
Da sottolineare, l’avvio, da quest’anno, dell’importante collaborazione con l’Istituto Luce, grazie alla quale verranno proiettati due documentari; il  primo, Lettera al presidente (sabato alle 18.00) a cui parteciperà il regista Marco Santarelli assieme a Teresa Bertilotti, dell’Università di Milano-Bicocca, autrice del libro Caro presidente.Gli italiani scrivono al Quirinale (1946-1971), il secondo, Mio duce ti scrivo (domenica alle 16.00) sarà presentato dal regista Massimo Martella.
Non mancheranno, poi, spettacoli di letture e musiche che nei tre giorni della manifestazione animeranno i diversi spazi del paese. Da L’ arte delle lettere. 125 corrispondenze indimenticabili,  alle lettere ispirate dai testi dei cantautori; il reading teatrale La merica. Lettere dei migranti italiani in America, in programma venerdì alle 19.00 nella Piazzetta di Sant’Andrea; E il viaggio non finiva mai… Lettere dei migranti italiani attraverso le pagine del libro La casa sul lago, sabato alle 11.30 nella Chiesetta Sant’Andrea; alle lettere inviate da Van Gogh al fratello, che chiuderanno questa edizione del Festival delle Corrispondenze con lo spettacolo Lettere a Theo in programma domenica in Piazzetta Sant’Andrea. Come, ai bambini sarà dedicato, invece,  il laboratorio artistico Lettere di un certo carattere, presso l’Anfiteatro delle mura venerdì alle 18.00. Infine, anche la gastronomia troverà il suo spazio, precisamente nel giardino di Villa Aganoor in cui verranno proposti piatti tradizionali da degustare a lume di candela, tra cui i Zzurlini, il piatto tipico del  caratteristico borgo di Monte del Lago.
 
 
 
 


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist