Covid, in Umbria ricoveri stabili nelle ultime 24 ore

Written by on 20/02/2021

Covid, in Umbria ricoveri stabili nelle ultime 24 ore

Sono 363 i nuovi casi registrati. In aumento il tasso di positività. Altri 13 morti. Strutture residenziali monitorate costantemente. Giornata del personale sanitario: il messaggio della presidente Tesei

20/02/2021

gr

Ricoveri Covid stabili in Umbria nelle ultime 24 ore

PERUGIA- Ricoveri per Covid stabili in Umbria nelle ultime ventiquattro ore. Questo, secondo quanto emerge dai dati pubblicati dalla dashboard del sito della Regione, aggiornati al 20 febbraio. In tutto,  cinquecentoquarantacinque dei quali ottantasei (tre in più) nei reparti di terapia intensiva.

I nuovi casi di positività accertati sono trecentosessantre, su 1.423 test antigenici e 3.306 tamponi molecolari processati, con un tasso di positività complessivo del 7,67 per cento (ieri era 4%) e del 10,98 per cento (era al 7,7%) sui soli tamponi molecolari.
Registrati altri tredici morti (su 972 in tutto dall’inizio dell’emergenza sanitaria Covid) e duecentosessatanove guariti. Gli attualmente positivi sono 8.520 (ottantuno in più rispetto a ieri).

 

“La Task Force della Regione Umbria per la gestione dell’emergenza Covid, dall’inizio della pandemia ha riservato la massima attenzione agli ospiti e agli operatori delle Residenze protette e delle Rsa.

Tutti i dati di casi positivi all’interno delle strutture residenziali e semiresidenziali dell’Umbria sono riassunti  e prontamente aggiornati. Il database relativo ai casi positivi permette inoltre la rendicontazione settimanale che, oltretutto, viene anche divulgata in maniera puntuale agli organi di stampa, così com’è avvenuto anche nella giornata di ieri”.

Lo comunica il commissario regionale per l’emergenza Covid , Massimo D’Angelo, precisando che, per quanto riguarda la residenza protetta Opere Pie Donini di Perugia, è stata anche attivata la Croce Rossa per garantire l’intervento assistenziale per gli ospiti della struttura.

“Il monitoraggio della sorveglianza sanitaria -ha precisato D’Angelo– dei nuovi casi positivi tra ospiti ed operatori all’interno delle strutture residenziali e semiresidenziali dell’Umbria viene svolto quotidianamente. Le informazioni, sono quotidianamente scambiate e trasmesse  attraverso il contatto diretto tra i Servizi Territoriali ISP del territorio umbro, le strutture residenziali insistenti nel Distretto  e il coordinamento della Task Force Regione strutture extraospedaliere.

Tutti gli operatori -prosegue il commissario-  vengono periodicamente screenati attraverso test rapidi per la verifica dello stato infettivo, così come vengono screenati regolarmente con tamponi molecolari, gli ospiti. Inoltre, come da circolari ministeriali e regionali tutti gli ospiti sono sottoposti a monitoraggio quotidiano dei parametri  per l’individuazione di condizioni di salute riferibili a possibile infezione da Sars-Cov 2 e la presenza di dubbio anamnestico fa scattare la verifica immediata con tampone molecolare all’ospite interessato”.

La sorveglianza dei nuovi casi positivi tra gli ospiti ha un tracciamento informatico quotidiano. Tutti i dati riferiti alla singola giornata vengono riassunti tutte le sere dal Coordinatore della Task Force Strutture Extraospedaliere ai referenti regionali con aggiornamento delle situazioni.

I dati sono validati attraverso la verifica dei database tamponi  che giornalmente sono inoltrati alla Task Force,  la quale, in contatto diretto con l’ISP, ne verifica la congruità.

In caso di necessità inoltre, sono stati predisposti sopralluoghi presso le strutture per la verifiche delle azioni di contenimento dell’infezione, nonché l’applicazione delle procedure di contenimento e l’attivazione di percorsi utili a sostenere l’assistenza all’interno della struttura stessa.

“Per gli ospiti delle strutture residenziali dell’Umbria -ha ricordato il dottor D’Angelo- si è proceduto alla somministrazione della prima e seconda dose di vaccino come previsto dalla campagna anti Covid regionale iniziata il 27 dicembre e continuata partire dal 6 gennaio, rispettando i tempi di somministrazione indicati. Anche gli operatori sono stati vaccinati e, solo per alcuni, è in fase di completamento la campagna di vaccinazione.

Sono stati registrati casi di infezione post vaccinazione, ma bisogna tener conto che la risposta anticorpale completa si ottiene dopo dieci giorni dalla seconda dose e che trattandosi di pazienti anziani la cui risposta anticorpale potrebbe essere minore per condizioni morbose intercorrenti”.

 

“Voglio cogliere l’occasione della Giornata nazionale dei professionisti sanitari, sociosanitari, socio assistenziali e del volontariato, per rivolgere un profondo e sentito ringraziamento a tutti coloro che in questa lunga fase emergenziale hanno dedicato ogni loro forza per stare accanto, ed essere di infinito aiuto, a tutti gli italiani”

E’ questo, il ringraziamento che è arrivato dalla presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei.

“La giornata celebrata oggi -ha affermato- è stata istituita proprio come momento per onorare il lavoro, l’impegno, la professionalità e il sacrificio di tutti coloro che si sono messi a disposizione della collettività nel corso della pandemia. Non è un atto dovuto. E’ un sincero gesto simbolico di gratitudine che rende merito ai tanti operatori sanitari impegnati nella gestione dell’emergenza, che hanno messo e continuano a mettere a repentaglio la loro vita, a volte anche perdendola.

Come presidente voglio ringraziarli a nome di tutta la comunità regionale, e voglio ribadire che saremo sempre accanto a loro per coadiuvare, per quello che è proprio del nostro ruolo, il loro lavoro“.


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist