Caritas, ombra della povertà su “perle” del turismo come Assisi

Written by on 16/10/2021

Caritas, ombra della povertà su “perle” del turismo come Assisi

Lo dice il rapporto Caritas sulla povertà che contiene uno studio su quattro aree di interesse turistico

16/10/2021

La pandemia ha aggravato la povertà nel Paese che ha allungato la sua ombra anche su “perle” del turismo prima impensabili come Assisi.
A dirlo il Rapporto Caritas sulla povertà che contiene uno studio sugli effetti della pandemia su 4 aree di interesse turistico: Assisi, Ischia (Napoli), Riva del Garda (Trento) e Venezia.

Assisi contribuisce con il 25% al Pil di tutta la regione Umbria. Si stima che il 78% del consumo in Assisi alta sia dovuto alla presenza di gruppi di pellegrini/turisti che arrivano in pullman. Il calo del fatturato si è avvertito in tutti i settori economici. La Chiesa locale ha messo a disposizione da giugno 2020 a inizio 2021 circa 7200 ore di volontariato nella sola dimensione dei servizi assistenziali, degli empori e della distribuzione.

Ad Ischia il 70% degli operatori del turismo non lavora. Nel 2019 la Caritas sfamava 500 famiglie, oggi sono 2500 famiglie e sono in aumento perché su circa 15000 lavoratori stagionali almeno il 50% non ha ricevuto nessun tipo di supporto economico.

A Riva del Garda la crisi del turismo ha prodotto una fuga della manodopera, in gran parte straniera, ripartita verso i paesi di origine e mai più ritornata. Viene confermato un trend di crescita delle persone incontrate e aiutate da Caritas, con 302 nuclei familiari seguiti e un migliaio di persone coinvolte nel 2020, su una comunità di riferimento di circa 20.000 abitanti.

A Venezia lo scoppio dell” emergenza ha prodotto un crollo dei flussi turistici. Per sostenere le famiglie, la diocesi ha istituito il Fondo San Nicolò, distribuendo circa 250.000 euro.


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist