IN ONDA

PROSSIMO PROGRAMMA

‘Brana.Mondi paralleli’, Perugia omaggia Brajo Fuso

Written by on 23/02/2018

‘Brana.Mondi paralleli’, Perugia omaggia Brajo Fuso

23/02/2018

L'interno del Fuseum, sede della mostra 'Brana. Mondi paralleli'

PERUGIA- Brana. Mondi paralleli, è il titolo della mostra che viene inaugurata sabato 24 febbraio alle ore 18 al Fuseum, la casa-museo ideata e creata da Brajo Fuso. Patrocinata dal Comune di Perugia e dall’Accademia di Belle Arti del capoluogo umbro, vuole essere un omaggio all’artista perugino (pittore, scultore, scrittore e poeta) scomparso nel dicembre del 1980 in occasione del suo compleanno (essendo nato il 21 febbraio 1899).

Un esposizione collettiva curata da Andrea Baffoni, con la collaborazione di Gabriela Juganariu e il coordinamento di Gianmaria Fontana di Sacculmino, Direttore del Fuseum. Articolata tra l’interno della struttura (Sala Bettina e Sala degli Elleni), e l’area esterna prossima alla piazzetta centrale, propone i lavori di dodici artisti di diversa formazione e linguaggio (Romano Mazzini, Toni Bellucci, Polly Brooks, Benedetta Galli, Arnhild Kart, Laura P, Antonio Persichini, Attilio Quintili, Pietro Ricci, Sara Sargentini, Medina Zabo, Gemma Zoppitelli), in un progetto espositivo ideato in stretta relazione con l’ambiente.

Il Fuseum (un complesso architettonico ubicato a Monte Malbe alla periferia di Perugia, con un parco costellato di opere d’arte ed una galleria espositiva) è uno spazio diffuso, strutturato come sorta di villaggio, dove ogni area assume la valenza di spazio intimo: luogo di meditazione, lettura, riflessione, il tutto accompagnato dai suoni della natura in cui si trova immerso. Così concepito dallo stesso Brajo Fuso, appare come un insieme di mondi paralleli capace costruire un Universo per viaggiare nel tempo e nello spazio: un Universo-Brana. Da qui il titolo, che s’ispira alle teorie della fisica contemporanea, secondo cui non esisterebbe un solo universo ma un’infinità di membrane multidimensionali che toccandosi danno origine a infiniti Big Bang.

Brana. Mondi paralleli, è, quindi, un omaggio che intende richiamare il modo in cui l’artista concepiva il suo Museo dinamico, un percorso attraverso le proprie opere realizzate utilizzando ogni tipo di materiale povero o di recupero (definita Débrisart o Arte del Rottame dall’amico André Verdet), in continuo divenire e capace di ospitare altri artisti per scambi culturali. Perciò la mostra, vuole essere un suggestivo percorso di opere tra pittura, scultura, installazioni e video con suoni, luci e forme in continua evoluzione.

La mostra Brana. Mondi paralleli, sarà visitabile fino al prossimo 22 aprile.

Per informazioni su orari e visite www.fuseum.eu.


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist