IN ONDA

Playlist musicale


Raccolta di brani italiani e stranieri ! tutte le ultime uscite musicali in un programma veloce e brillante


Info and episodes

PROSSIMO PROGRAMMA

Asili nido, in Umbria il più alto livello di copertura del servizio

Written by on 24/11/2023

Asili nido, in Umbria il più alto livello di copertura del servizio

Nella nostra regione il 43,7% di copertura contro una media italiana di meno del 30%

24/11/2023

Un asilo nido

Un asilo nido

In Italia solo un bimbo su tre va al nido, ma l’Umbria è la regione con il più alto livello di copertura del servizio, che si attesta al 43,7%, contro una media italiana di meno del 30%. Secondo i report di Istat ‘Offerta di nidi e servizi integrativi per la prima infanzia’ 2021/2022, in Italia sono meno del 30% i bambini sotto i 3 anni che trovano collocazione nei servizi educativi specifici per la prima infanzia contro il 37,9% della media europea. La Francia e la Spagna, per esempio, sono ben al di sopra del 50% e altri paesi, come l’Olanda e la Danimarca, si attestano al 74,2% e al 69,1% rispettivamente. Nel Paese, un asilo nido su due ha la lista d’attesa di bambini che non riescono ad essere accolti, solo il 9,4% prevede l’esenzione totale della retta per le condizioni economiche, eppure i piccoli appartenenti a famiglie monoreddito e con livelli di istruzione più bassi hanno molte meno possibilità di accedere ai servizi per l’infanzia. Fortissimo, poi, lo squilibrio tra le regioni: l’Umbria ha il più alto livello di copertura (pari al 43,7%), seguita da Emilia Romagna (41,6%), Valle d’Aosta e Provincia Autonoma di Trento (41,1%). La Toscana, il Friuli-Venezia Giulia e il Lazio si attestano sopra la soglia del 33% (38,4%, 36,8% e 36,1%). Di contro, fra le regioni del Sud, restano ancora al di sotto del 15% Campania, Sicilia e Calabria (11,7%, 13% e 14,6% rispettivamente), mentre la Sardegna con il 32,5% fa registrare il livello più alto. I capoluoghi di provincia hanno una copertura media del 35,3%, mentre i Comuni non capoluogo, nel loro insieme, hanno una copertura di posti inferiore di ben dieci punti percentuali e pari al 24,9%. Se dunque la percentuale di copertura dei posti tra 0 e 2 anni di età nel 2021-22 raggiunge il 28%, con un leggero incremento (0,8%) rispetto al 2020/21, dovuto alla contrazione delle nascite e il target del 33% da raggiungere entro il 2010 (come definito dal Consiglio Europeo di Barcellona nel 2002) è così gradualmente avvicinato, resta comunque decisamente lontano il nuovo obiettivo europeo del 45% di bambini frequentanti servizi educativi di qualità entro il 2030. E se l’offerta dei nidi (+1.780 posti) è in ripresa dopo la pandemia, le richieste di iscrizione sono in gran parte insoddisfatte, soprattutto al Mezzogiorno (66,4% nel pubblico, 48,7% nel privato). Nell’anno 2021/2022 sono attivi 13.518 nidi e servizi integrativi per la prima infanzia e sono autorizzati oltre 350mila posti. La spesa impegnata dai Comuni nel 2021 per i servizi all’infanzia ammonta a un miliardo 569 milioni di euro (+16,9% rispetto al 2020) di cui il 16,7% rimborsata dalle rette pagate dalle famiglie (263 milioni di euro).


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist