IN ONDA

Playlist musicale


Raccolta di brani italiani e stranieri ! tutte le ultime uscite musicali in un programma veloce e brillante


Info and episodes

GIORNALE RADIO

Medici specializzandi, continua la battaglia contro l’aumento delle tasse

Written by on 23/07/2018

Medici specializzandi, continua la battaglia contro l’aumento delle tasse

23/07/2018

La protesta dei medici specializzandi davanti al Rettorato

PERUGIA – Medici specializzandi sul piede di guerra. Dopo la manifestazione dello scorso 18 luglio davanti al rettorato – in occasione della riunione del Consiglio di Amministrazione dell’Università degli Studi di Perugia – per scongiurare l’aumento della tassazione universitaria, continua la battaglia dei medici in formazione che martedì 24 luglio incroceranno le braccia.

Aumento delle tasse Al centro della protesta il nuovo regolamento sulle tasse universitarie, approvato la settimana scorsa, che prevede l’adeguamento alla legge n. 232/2016 che richiama invece i criteri di ‘equità, gradualità e progressività’ alla base della contribuzione anche dei medici in formazione specialistica. Grazie al nuovo regolamento sono state introdotte più fasce contributive e la possibilità di presentare l’attestazione ISEE, ma – con l’occasione – sono aumentate fino al 50% le tasse d’iscrizione alle scuole di specializzazione solo per i laureati in medicina e chirurgia. Con la nuova tassazione, i medici specializzandi in ultima fascia ISEE – con un reddito superiore ad 80mila euro annui – si troveranno a pagare 3 mila euro di tasse, una cifra ben superiore di mille euro rispetto a quella riservata agli studenti, una delle più alte d’Italia per i medici in formazione. A spiegare la posizione dell’associazione Specializzandi Università di Perugia ai microfoni di Umbria Radio è il presidente Andrea De Giglio.

Lo sciopero  A seguito dell’approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione dell’Ateneo del nuovo regolamento in materia di contribuzione studentesca, i medici specializzandi hanno deciso di continuare la loro battaglia. Martedì 24 luglio, a partire dalle 10, i medici in formazione sospenderanno l’attività formativa e si ritroveranno davanti all’ingresso principale dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia per distribuire volantini informativi e raccogliere firme che verranno presentate all’Università come protesta al rincaro della tassazione. Una lotta non contro l’Ateneo ma per rendere l’UniPg più competitiva sul territorio nazionale, come spiega De Giglio.


Le richieste degli specializzandi  In sostanza, i medici chiedono la rimodulazione della tassazione equiparata a quella di tutti gli studenti con un massimale non superiore all’attuale – 2 mila euro per la sola iscrizione annua – la distribuzione di una parte delle entrate alle scuole di specializzazione per garantire la formazione dei futuri specialisti, la trasparenza nella redistribuzione delle entrate e l’introduzione di una ‘no tax area’ una ‘low tax area’ per i redditi più bassi, come previsto dalla legge.

di Annalisa Marzano


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist