IN ONDA

InBlu2000

Programmi del circuito nazionale

InBlu2000 è l’emittente della Conferenza episcopale italiana del cui circuito fa parte anche Umbria radio. Da radio InBlu arrivano i radiogiornali [...]


Info and episodes

Disturbi alimentari, in Umbria sono 10 mila le persone che ne soffrono (AUDIO)

Written by on 15/03/2018

Disturbi alimentari, in Umbria sono 10 mila le persone che ne soffrono (AUDIO)

15/03/2018

PERUGIA – In occasione della giornata dedicata ai disturbi alimentari, giovedì 15 marzo, arrivano i numeri di un fenomeno sempre più in crescita in Italia come in Umbria. Comportamenti sempre più globalizzati e che interessano in modo uniforme e trasversale il paese, senza differenze sociali o culturali: ammontano a  tre milioni gli italiani che soffrono di disturbi del comportamento alimentare, 10 mila solo in Umbria.

Tempestività  “Si può però guarire ed è fondamentale intervenire all’insorgere dei primi sintomi perché se ci si comincia a curare entro il primo anno il problema si risolve nel 99% dei casi” assicura la dottoressa Laura Dalla Ragione, direttore dei servizi dedicati della Usl Umbria 1. In base ai dati si evince che il l’età di chi è colpito si è sempre più abbassata, arrivando  a otto-dieci anni. “Tra coloro che vengono colpiti – ha spiegato ancora Dalla Ragione – ci sono ora molti maschi che prima non venivano colpiti, anche perché sempre più attratti da una cura maniacale del corpo”.

Nuove patologie Dall’analisi della dottoressa Dalla Ragione emergono sempre nuove forme patologiche dei disturbi alimentari come l’ortoressia, l’ossessione per il mangiare sano che spinge a essere sempre più selettivi nella scelta del cibo fino a portare a non alimentarsi”. Per Dalla Ragione “i disturbi alimentari sono la nuova forma moderna e della depressione che un tempo si esprimeva in altri modi”. Tra le cause, spiega la dottoressa, c’è la magrezza indicata come un modello estetico, l’offerta eccessiva di cibo e l’attenzione spasmodica alla cura del corpo. Al centro del problema l’alimentazione, che può essere disfunzionale in diversi modi, come sottolineato dalla dottoressa Elisa Reginato, direttore sanitario del centro di riabilitazione nutrizionale per i disturbi alimentari ‘Città Giardino’ di Terni ai microfoni di Umbria Radio.

Le strutture in Umbria Anche per questo l’Usl umbra 1 si è dotata, a Umbertide, di un centro dedicato ai disturbi selettivi dell’infanzia (chi mangia  esclusivamente alcuni cibi) che si aggiunge a quelli di Todi (palazzo Francisci e il Nido della rondine) per anoressia e bulimia e alla struttura di Città della Pieve specializzata sui problemi dell’obesità.  Nel campo della cura dei disturbi dell’alimentazione l’Umbria è dotata di una rete i servizi considerata all’avanguardia, come solo Veneto ed Emilia Romagna hanno. “Sempre più persone interessati dai disturbi – ha sottolineato Dalla Ragione – da altre regioni vengono a curarsi da noi. Così come accogliamo tanti bambini inviati dai principali ospedali pediatrici italiani”. Secondo la dottoressa, quella legata ai disturbi dell’alimentazione è un’epidemia ma il messaggio da lanciare è che con una diagnosi precoce si guarisce.

La famiglia I disturbi alimentari non colpiscono solo il singolo, ma riguardano l’intero nucleo familiare che risulta affetta dal disturbo. Non è facile per i familiari chiedere aiuto ma è fondamentale per la diagnosi tempestiva del problema, come sottolineato dalla dottoressa Elisa Reginato.

 


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist