Trasporti, la Regione Umbria vara l’Agenzia per la mobilità

Written by on 04/11/2021

Trasporti, la Regione Umbria vara l’Agenzia per la mobilità

Per l'assessore alle infrastrutture Melasecche è un traguardo storico per il risanamento del settore. Trasferito il primo contratto con Trenitalia

04/11/2021

Agenzia per la mobilità

La Regione Umbria vara l’Agenzia per la mobilità

“Il varo dell’Agenzia per la mobilità ed il trasferimento alla stessa del primo contratto del ferro fra Regione Umbria e Trenitalia di circa nove milioni l’anno, con un risparmio immediato di circa il 10% dell’Iva pari a circa novecento mila euro l’anno, è ormai realtà”.

Lo afferma l’assessore regionale alle infrastrutture e trasporti Enrico Melasecche che parla di risultato storico per il risanamento del settore nella nostra regione.

“E’ la prima tappa importantissima -spiega- di un percorso che vedrà nei prossimi mesi trasferire tutti gli altri contratti del ferro e della gomma – aggiunge l’assessore, in una nota della Regione – con un risparmio complessivo per le casse regionali di circa nove milioni annui su un Fondo nazionale trasporti di circa cento milioni.

Le due delibere, che fanno seguito a quella del 6 luglio 2020, sono state approvate dalla Giunta regionale su proposta della presidente Tesei e del sottoscritto, al termine di una serie numerosa di atti e soprattutto di un’azione puntuale volta ad affrontare problemi enormi ed i rapporti complessi con il sistema bancario.

Occorre conseguire -prosegue Melasecche- un duplice obiettivo: da un lato il risanamento di Umbria Mobilità, con la liquidazione del proprio patrimonio non funzionale e con sacrifici non lievi che sta facendo e che farà la Regione a carico del proprio bilancio. Dall’altro la riorganizzazione del sistema del trasporto pubblico cui stiamo puntando con la prossima gara per la gestione che riporti trasparenza, efficienza, economicità ma anche un miglioramento complessivo del servizio che assicuri un diritto costituzionalmente garantito.

Al di là delle verifiche che la nostra struttura tecnica sta facendo (e su cui sono necessarie delle puntualizzazioni), è evidente a tutti che la politica dei trasporti degli ultimi lustri ha prodotto danni non indifferenti, con aumento dei costi, culminati con la cessione all’esterno del ramo d’azienda della gomma, cui è seguita la chiusura della Ferrovia Centrale Umbra, la cessione poi della gestione di questa infrastruttura ad Rfi.

Rimangono aspetti ancora da approfondire  anche rispetto  alla realizzazione della metropolitana di superficie Cesi-Terni rimasta al palo rispetto alla gemella di Perugia e che dovrà quanto prima essere ridefinita nel progetto, nelle spese effettuate nel ventennio scorso, nei contenziosi, ma soprattutto nella funzionalità completa da recuperare quale trasporto rapido di massa da parte del Comune di Terni, come avvenuto con il progetto Brt di Perugia, avendo la Regione sostenuto entrambi con il massimo impegno a tutti i livelli ma con esiti diversi.

Il traguardo  del varo dell’Agenzia per la mobilità -conclude l’assessore- in meno di due anni dall’insediamento della attuale Giunta regionale, era tutt’altro che scontato. E’ quindi di grande soddisfazione per gli umbri”.


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist