Test sierologici a Giove: i dati di Regione e Comune non coincidono

Written by on 29/04/2020

Test sierologici a Giove: i dati di Regione e Comune non coincidono

29/04/2020

GIOVE – Non sembra essere del tutto chiara la vicenda relativa al monitoraggio nella “zona rossa” dell’Umbria: nella giornata di martedì l’assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto ha reso noti i numeri relativi ai test sierologici a tappeto effettuati sulla popolazione di Giove, ma il sindaco del comune ternano, Alvaro Parca, sostiene di avere dati differenti.

Risultati test Stante alle dichiarazioni dell’assessore Coletto, il numero degli abitanti positivi al coronavirus nel comune, “zona rossa” dal 10 aprile, sarebbe sceso da 50 a 30 persone. Sempre nella giornata di mercoledì l’assessore regionale aveva dichiarato che grazie ai test a tappeto, era stato possibile individuare 13 nuovi soggetti positivi nel comune. Dal bollettino odierno della Regione Umbria si legge che la metà dei nuovi casi di coronavirus di mercoledì 29 aprile – 6 su 12 – si sono verificati proprio nel comune di Giove.

Dati diversi A seguito delle comunicazioni date dall’assessore Coletto, il primo cittadino di Giove, Alvaro Parca – attraverso un post su Facebook – ha reso noti i dati in possesso del comune nel 19° giorno di zona rossa. “I dati in mio possesso – scrive il sindaco – non coincidono con quelli dell’assessore Coletto. Spero che siano giusti i suoi e che, magari, gli siano arrivate informazioni non ancora arrivate a me”. Il sindaco ha anche spiegato che nella giornata di mercoledì dovrebbe essere completata l’elaborazione dei risultati dei tamponi effettuati dopo i test sierologici che permetterà di avere dati che “consentiranno di confrontarci con ASL e Regione in una riunione prevista per giovedì mattina sulle decisioni da adottare per la fine della zona rossa”.

Opposizione in Regione Le dichiarazioni del sindaco Parca non sono passate inosservate all’opposizione in Regione. I consiglieri regionali Thomas De Luca (M5S) e Tommaso Bori (Pd) hanno chiesto all’assessore Coletto di chiarire quello che definiscono un “caos test per il coronavirus a Giove”. Per De Luca e Bori “ci sono informazioni contraddittorie sui risultati dei test e non è chiaro se è stata testata l’affidabilità dei test sierologici”. Il dubbio è proprio sui numeri. I due consiglieri si chiedono come, a fronte di circa 900 test sierologici effettuati nel comune, dei 73 casi di positività emersi, dopo ulteriori accertamenti con tampone, siano stati accertati solamente 13 positivi. “I test sierologici quindi – si interrogano De Luca e Bori – avrebbero mostrato enormi criticità, individuando un numero abnorme di falsi positivi e, data la bassa sensibilità e specificità, temiamo anche molti falsi negativi. Ci chiediamo se i kit e le strumentazioni per i test sierologici siano state validate, e quanto possa essere alto il loro margine di errore. La mancanza di dati certi è piuttosto preoccupante”.


Diretta SIR

Current track

Title

Artist