Terza Pasqua dopo il sisma, i sindaci: “Ma non è quella della ricostruzione”

Written by on 20/04/2019

Terza Pasqua dopo il sisma, i sindaci: “Ma non è quella della ricostruzione”

20/04/2019

Piazza San Benedetto a Norcia

PERUGIA – “E’ la terza Pasqua post sisma, ma purtroppo non è ancora quella della ricostruzione”: a dirlo è il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno. E sulla stessa falsariga è la posizione sia del primo cittadino di Cascia, Mario De Carolis che di Preci, Pietro Bellini. “Il recupero degli edifici maggiormente danneggiati e di quelli pubblici è ancora lontano”, dice De Carolis, mentre Bellini sottolinea “la lentezza della macchina burocratica che rende noi sindaci impotenti di fronte alle pastoie delle procedure”. “Dal decreto sblocca cantieri ci attendevamo molto di più – spiega Alemanno – invece ha preso in considerazione solo una parte degli aspetti che avevano discusso con il Governo. In alcune situazione – aggiunge – addirittura rallenta ulteriormente le procedure, come ad esempio l’autorizzazione dei lavori di recupero degli edifici con danni lievi, le cosiddette lettere B”. In questo caso “accade che la pratica è passata in mano ai Comuni – evidenza il sindaco di Norcia – e una volta che l’istruttoria è stata messa a punto deve essere firmata dai vicecommissari e quindi dalle Regioni di competenza. Questo significa – spiega ancora – che le Regioni non possono firmare al buio e quindi attuano un ulteriore controllo della pratica che quindi è come se venissi fatta due volte”. Fino ad ora l’iter autorizzativo era invece solo in capo agli Uffici speciali per la ricostruzione. Se la ricostruzione ancora non decolla, a far ben sperare per il futuro i tre sindaci sono le presenze turistiche che si registrano nei tre centri colpiti dagli eventi sismici del 2016 anche in questi giorni di Pasqua. In particolare a Norcia e Cascia già da oggi sono presenti centinaia di visitatori. 


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist