Terremoto, Farabollini: per me non c’è alcun problema con le Regioni

Written by on 26/11/2018

Terremoto, Farabollini: per me non c’è alcun problema con le Regioni

26/11/2018

Piero Farabollini

PERUGIA – Parte dal rapporto con il territorio il piano di ricostruzione al quale sta lavorando il commissario Piero Farabollini, oggi a Camerino per l’inaugurazione dell’ anno accademico di Unicam, in cui è docente. “Incontrerò presto i professionisti dopo averlo fatto coi sindaci; sono loro che hanno il polso della situazione dei loro territori, conoscono intoppi e ostacoli che magari la normativa non riesce a definire adeguatamente” dice all’ANSA. Il problema con le Regioni? “Per me non esiste. Ho sempre professato la collaborazione e non può essere diversamente perché non avendo la bacchetta magica non posso fare da solo. D’altra parte – aggiunge – se non c’è una condivisione di azione, anche di problematiche e di intenti con chi sta sul territorio, a partire dalle Regione, non faremo molta strada. Ci stiamo muovendo per cercare di capire il perché ci siano ancora titubanze, chiamiamole così, nella ricostruzione. E’ vero che le ordinanze sono state scritte e la procedura indicata, ma va tutto meglio specificato, per cui è necessario dare ulteriori delucidazioni, chiarimenti e intendimenti, in modo che il professionista possa lavorare secondo le regole, i Comuni possano adoperarsi secondo la procedura e tutto quello che riguarda appalto e gare, in modo che ci sia chiarezza e mettere in campo il più possibile delle azioni, che siano a loro volta mirate”.

Ma dove si inceppa la macchina della ricostruzione? “Non c’ è un punto preciso della catena – osserva Farabollini – La devastazione è stata tanta e le criticità differenti fra le varie aree del cratere che è molto ampio e questo lo sappiamo, visto che ha 138 Comuni. Dopo il 30 ottobre ci sono state modifiche su quello che è stato messo in campo dopo il 24 agosto. Ora è necessario trovare soluzioni adatte per le zone più danneggiate in modo che qui si riesca a partire per la ricostruzione in tempi brevi. Le zone più periferiche, che hanno subito meno danni, non è che non ne terremo conto; anzi faremo procedure che permetta anche a loro di muoversi”.


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist