Successo a Gubbio, per la mostra dedicata a Giuseppe Magni

Written by on 22/01/2018

Successo a Gubbio, per la mostra dedicata a Giuseppe Magni

22/01/2018

La targa con la Madonna di Maremma, una delle opere di Giuseppe Magni esposte nella mostra di Palazzo Ducale

GUBBIO- Giuseppe Magni la maiolica italiana dello Storicismo, è il titolo della mostra dedicata all’arte della maiolica italiana, promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e organizzata dal Polo Museale dell’Umbria, dalla Fondazione CariPerugia Arte e dall’Associazione Maggio Eugubino, con il patrocinio del Comune di Gubbio. Un progetto, che nasce dalla volontà di valorizzare la figura di Giuseppe Magni, orefice, decoratore e miniaturista del secolo scorso originario della Città dei Ceri, che ha lasciato una grande produzione e una vera e propria scuola proseguita sino ai nostri giorni, da molti altri valenti artisti nati e operanti sul territorio eugubino.

Un percorso espositivo curato da Ettore Sannipoli, allestito nelle stanze del Palazzo Ducale di Gubbio, che resterà aperto fino al prossimo 20 maggio, che ha già avuto oltre duemila visitatori che hanno ammirato le sessantaquattro opere tra piatti, targhe, anfore e vasi (di cui trentadue realizzate dall’artista eugubino provenienti in parte dalla sua collezione personale di recente acquistata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia) e in parte da altre collezioni pubbliche e private di Gubbio.

Una panoramica completa sulla ceramica italiana dello Storicismo, contesto culturale nell’ambito del quale Giuseppe Magni operava e di cui era uno dei massimi rappresentanti. Opere, i cui soggetti principali sono i modelli celebri dell’arte italiana dal Quattrocento all’Ottocento, con speciale predilezione per opere di estrazione classicistica. Accanto alle sacre raffigurazioni, compaiono soggetti mitologici, allegorici, storicistici e d’ispirazione letteraria, come anche ritratti di personaggi illustri. Personalissima e di notevole effetto è poi la scelta dei motivi ornamentali dei piatti e delle targhe, sempre diversi e di grande ricchezza decorativa: da quelli d’impostazione classicheggiante, ad altri con arabeschi, motivi fitomorfi e geometrici, medaglioni, nastri svolazzanti. Tra i lavori più significativi, i piatti con Laura del Petrarca  (opera scelta come immagine della mostra), con la Madonna del Belvedere e con la Sacra Famiglia. A queste, si aggiungono altri lavori prodotti dei principali opifici operanti nell’Italia Centrale riasalenti al cosiddetto periodo dello Storicismo e dell’Eclettismo di fine Ottocento o del primissimo Novecento, di cui Giuseppe Magni era una delle figure di spicco, (Ginori di Doccia, Cantagalli di Firenze, Achille Farina di Faenza, Angelo Minghetti di Bologna, Molaroni di Pesaro, Pio Fabri di Roma).

 


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist