Anche Spoleto e Pantalla diventano ospedali Covid. Tesei: “Situazione seria”

Written by on 21/10/2020

Anche Spoleto e Pantalla diventano ospedali Covid. Tesei: “Situazione seria”

Conferenza stampa della governatrice con l'assessore Coletto. L'indice Rt in Umbria a 1,69. 80 gli operatori sanitari attualmente positivi

21/10/2020

La governatrice Tesei e l'assessore Coletto

La governatrice Tesei e l'assessore Coletto

PERUGIA – Serve riorganizzare la rete degli ospedali: la situazione del contagio Covid in Umbria “è seria e va affrontata con senso di responsabilità da parte di tutti”. Lo ha detto la presidente della Regione Donatella Tesei facendo il punto in una conferenza stampa. “Ho chiesto l’attivazione di un Tavolo con le prefetture e Anci per mettere in campo tutte le misure per contrastare assembramenti ed evitare il dilagare della pandemia” ha aggiunto. La presidente ha annunciato altre due ordinanze per “ampliare la capacità di risposta della rete ospedaliera regionale” per garantire “la giusta risposta sanitaria” anche per le patologie non Covid. Coinvolgendo gli ospedali di Spoleto e Pantalla nell’assistenza dei pazienti legati al coronavirus, oltre a quelli di Perugia, Terni, Foligno e Città di Castello: fino al 31 gennaio, anche i presidi di Spoleto e Pantalla ospiteranno pazienti Covid, relativamente con 70 e 30 posti letto. Nell’ospedale della Media Valle del Tevere saranno accolti i malati che non necessitano di terapie intensive.

Dati in pericolosa crescita

“È comunque certo che sono misure temporanee – ha sottolineato Tesei – e le ordinanze termineranno alla fine di gennaio. Alla fine dell’emergenza tutte le strutture ospedaliere, nessuna esclusa, torneranno alle funzioni ante-Covid”. “È il momento di fare squadra – ha ribadito la presidente umbra – e rinnovo l’appello a fare un’attenzione assoluta in ambito familiare”. Sono 80 in Umbria gli operatori sanitari attualmente positivi al Covid. Riguardo alle strutture per anziani sono 27 gli ospiti contagiati in cinque strutture ai quali si aggiungono 20 operatori. “Proseguiamo con gli screening – ha detto il direttore della Sanità Claudio Dario – e intanto abbiamo chiuso gli accessi ai familiari. La situazione non è particolarmente critica”. Contagiati dal Covid anche 23 ospiti di un istituto religioso di Perugia. Tra gli altri dati salienti, nelle ultime due settimane, sono aumentati i ricoveri di due volte e mezzo. Stesso andamento per le terapie intensive e i cittadini in isolamento, quasi triplicati in 15 giorni. In Umbria l’Rt è a 1,69.

Un nuovo hotel Covid

È in arrivo in Umbria una nuova convenzione per un altro hotel Covid (uno è già in funzione) per chi non può garantire l’isolamento in casa. La governatrice ha fatto riferimento ad incontri con i medici di medicina generale, “per accordi sul loro ruolo e sulla possibilità di fare loro i test direttamente”. Il direttore regionale alla Salute, Claudio Dario, ha sottolineato “l’ampia disponibilità ricevuta” in tal senso. “Gli incontri – ha detto Dario – si stanno rivelando interessanti sia per il supporto al tracciamento sia per la sorveglianza dei positivi che restano a casa sia per l’espletamento dei test. Si parla di meno di un paziente per ogni medico, valutando i positivi ad oggi”. Nell’ottica di “mettere in campo quanto possibile per mantenere alto il discorso del monitoraggio della situazione”, la presidente Tesei ha infine ricordato l’accordo cui si sta lavorando con le farmacie per somministrare i test rapidi.


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist