Raccolta differenziata, a Perugia arriva la porta a porta anche fuori dal centro storico (AUDIO)

Written by on 01/02/2018

Raccolta differenziata, a Perugia arriva la porta a porta anche fuori dal centro storico (AUDIO)

01/02/2018

Mezzi della Gesenu

PERUGIA Si allarga la raccolta differenziata porta a porta nel Comune di Perugia: dopo il centro storico, nei prossimi mesi il servizio sarà ampliato anche alle cosiddette aree ad “Alta Densità abitativa”. Un progetto ambizioso per Gesenu, dopo i problemi giudiziari dell’ultimo anno e mezzo, che si sono conclusi con il rinnovamento di tutto il management. Immediatamente partirà una campagna informativa, per poi partire a maggio con la distribuzione dei mastelli casa per casa. Tra ottobre e novembre il servizio sarà operativo a pieno regime.

Numeri e zone I quartieri interessati saranno quelli di Elce, Monteluce, Case Bruciate, Fontivegge, Filosofi, Pallotta, Madonna Alta, Ferro di Cavallo e Settevalli. Poco più di 42mila abitanti saranno quindi raggiunti dal nuovo servizio di raccolta porta a porta. L’obiettivo è quello di portare la percentuale di raccolta ad un livello paragonabile a quello del centro storico, che al momento gode di un servizio di raccolta casa per casa: nel perimetro dell’acropoli la raccolta differenziata è al 77,7%, contro il 35,5% della zona ad alta densità. In tutto il Comune, il dato  si assesta sul 62,3%, di poco sotto al 65% richiesto dalla normativa regionale. Gli obiettivi, come confermato anche dal vicesindaco e assessore all’Ambiente Urbano Barelli, sono molteplici: dall’autosufficienza (sono ancora fresche le polemiche per il trasporto nelle Marche di alcuni rifiuti non trattabili in Umbria), al potenziamento dell’economia circolare, fino alla necessità di “riabilitare” l’immagine della Gesenu.

La nuova Gesenu Un’azienda che oggi conta 500 lavoratori (800 considerato l’indotto) e che è stata stravolta nella governance e negli organi di controllo: un vero e proprio banco di prova da non fallire e alla quale non si è sottratto il nuovo presidente Wladimiro De Nunzio (magistrato e già presidente della Corte d’appello di Perugia). Stesso messaggio sottolineato anche dal Consigliere Delegato Luciano Piacenti: “Dobbiamo riprendere un posto d’eccellenza nella gestione dei rifiuti. Non possiamo fare tutto da soli, per questo sarà fondamentale il comportamento virtuoso degli utenti”. Concetto ribadito dallo stesso ingegner Piacenti anche ai microfoni di Umbria Radio.

 

Il servizio Nel corso della presentazione è stato ribadito più volte come la raccolta porta a porta sia l’unica soluzione per avere garanzie e controlli. Tutti i contenitori saranno tracciati (questo fornirà all’amministrazione dati in tempo reale sulle utenze) e saranno recapitati e svuotati casa per casa. Un sistema che, nelle idee di Palazzo dei Priori, dovrebbe servire anche a ridurre l’evasione fiscale della Tari. Prevista anche l’attivazione di 10 Ecoisole informatizzate, aperte tutti i giorni 24 ore su 24, alle quali si potrà accedere con la tessera sanitaria. Qui sarà possibile conferire i rifiuti in eccesso divisi per le solite 4 categorie (secco residuo, carta, Multimateriale leggero e organico). Per il vetro saranno posizionate in strada321 campane dedicate, che saranno svuotate ogni 15 giorni, per consentire un recupero più preciso del materiale.


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist