IN ONDA

Playlist musicale


Raccolta di brani italiani e stranieri ! tutte le ultime uscite musicali in un programma veloce e brillante


Info and episodes

PROSSIMO PROGRAMMA

GIORNALE RADIO

Assisi, San Francesco Patrono d’Italia: Guerra, pace e Covid

Annalisa Marzano 04/10/2022

Assisi, San Francesco Patrono d’Italia: Guerra, pace e Covid

Annalisa Marzano
  • del 04/10/2022 ore 13:00
  • Xl news

    Oggi, martedì 4 ottobre, infatti, si celebra il santo poverello di Assisi e nella città serafica i festeggiamenti sono iniziati già lunedì, a Santa Maria degli Angeli con la celebrazione del Transito di San Francesco. Una festa, quella di quest’anno, in cui non sono mancati i riferimenti all’emergenza sanitaria da Covid, alla guerra, alle crisi economica e alle speculazioni. Nella sua omelia di lunedì mattina, padre Francesco Piloni, Ministro provinciale dei Frati Minori di Umbria-Sardegna, ha commentato le letture parlando proprio delle sofferenze e delle difficoltà che in questi ultimi tempi hanno segnato la storia. “Un San Francesco – ha detto Piloni -, che ci insegna ad abbracciare la morte e la fragilità”. La pandemia è stata  al centro delle celebrazioni di martedì mattina alla basilica superiore di San Francesco ad Assisi. Nel corso della santa messa, presieduta dal cardinale Matteo Zuppi, presidente della Cei, sono stati depositati davanti alla lampada che arde sulla tomba del santo poverello, i nomi dei defunti italiani per il Covid, raccolti online nei giorni prima della celebrazione affinché “vengano personalmente affidati al Signore per la preghiera e l’intercessione di San Francesco” ha spiegato fra Marco Moroni, custode del Sacro Convento. Nel corso dell’Omelia, il cardinale Zuppi, ha parlato dell’emergenza sanitaria auspicando che “non sia l’ennesimo grave evento storico da cui non siamo stati capaci di imparare”. Oltre la pandemia, il cardinale ha parlato anche delle nuove sfide, la cura del creato, dei più fragili, le speculazioni economiche e la guerra. Il “lupo terribile della guerra sia addomesticato”, ha detto Zuppi facendo appello per “dialogo e garanzie di una pace giusta”. Dopo la santa messa nella basilica superiore, nel corso della quale il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha acceso, a nome di tutti gli italiani, la lampada votiva con l’olio offerto dalla Conferenza Episcopale Italiana, il Capo dello stato ha rivolto il tradizionale Messaggio alla Nazione. Mattarella, facendo eco al presidente della Cei, è tornato a chiedere la pace in Europa “non ci arrendiamo alla logica della guerra, ha detto. Parlando sempre della guerra, Mattarella ha fatto anche una riflessione sul ruolo delle religioni che – ha detto – tutte, hanno responsabilità nella costruzione della pace. Scavano fossati quando legittimano la violenza e il sopruso”.

     

    Xl news

    XL News

    L'informazione extra large

    Leggi



    Umbria Radio in Streaming

    Streaming

    Current track

    Title

    Artist