Perugia – Cosenza 1-1. Grifo opaco che si fa rimontare e che spreca ancora troppo

Written by on 18/09/2021

Perugia – Cosenza 1-1. Grifo opaco che si fa rimontare e che spreca ancora troppo

18/09/2021

Quarto appuntamento di campionato per il Perugia che dopo il pareggio di Frosinone affronta il Cosenza rinfrancato dalla prima vittoria in campionato ottenuta contro il Vicenza. In palio punti importanti in chiave salvezza per questo che, come ha detto il tecnico biancorosso Alvini alla vigilia, è uno scontro diretto. I calabresi dell’ex Zaffaroni in panchina e soprattutto dell’ex Ds e perugino doc Roberto Goretti devono fare a meno di Del Favero, Djavan Anderson, Panico e Bittante, mentre il Perugia deve rinunciare a Dell’Orco e Bianchimano infortunati.
Alvini conferma assetto e uomini della trasferta ciociara e si affida a Sgarbi per sostituire Dell’Orco nel terzetto difensivo. Dall’altra parte i rossoblù schierano la coppia d’attacco formata da Caso e Gori, entrambi a segno contro il Vicenza.

L’inizio della partita è con i Grifoni da subito in attacco con il cross dalla destra di Falzerano recuperato in tuffo da Vigorito. Al 5′ minuto la prima ghiotta occasione per il Perugia con Carretta imbeccato in profondità ma il tiro dell’ex, dopo l’affondo in profondità, viene parato senza particolari problemi da Vigorito. Nei primi 10 minuti è tutto Perugia che colleziona la seconda occasione con un tiro dal limite di Segre che si trasforma in un assist per Murano, la cui conclusione di desto è ancora una volta respinta da Vigorito che risponde ancora presente.

Al quarto d’ora il ritmo biancorosso si abbassa drasticamente a tutto vantaggio del Cosenza che controlla senza problemi lo sterile fraseggio a centrocampo degli uomini di Alvini. La prima vera opportunità del Cosenza arriva sulla testa di Gori al 24′ sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Chichizola è pronto. Poco dopo di nuovo da calcio d’angolo ci prova il Cosenza con Tiritiello che colpisce sporco e alza sopra la traversa.

Non aver subito finalizzato il vantaggio ha cambiato la fisionomia del match dopo i primi arrembanti minuti di gioco, mentre il tifo della Curva Nord accompagna il finale di primo tempo per spingere i Grifoni.

Ancora da calcio d’angolo Palmiero impegna Chichizola che alza il pallone sopra la traversa e poi è Vaisanen a tentare la conclusione da fuori ben controllata ancora dall’estremo difensore del biancorosso.

Alla chiusura della prima frazione di gioco il Perugia si fa vedere di nuovo nell’area avversaria grazie al calcio d’angolo battuto da Burrai: mischia davanti alla porta e poi rovesciata di Carretta che non inquadra la porta. Dopo un inizio di partita incoraggiante i Grifoni per la prima volta dall’inizio del campionato dimostrano qualche difficoltà nel gioco.

 

Alvini già prima di rientrare negli spogliatoi aveva chiamato a sè Matos e Santoro e in effetti il secondo tempo si apre con un doppio cambio per il Perugia: Matos per Murano e Santoro per Segre.

Al 51′ su un cross dalla destra Rosi salta più alto di tutti e sigla il suo secondo goal in campionato. Sulla scia del vantaggio è Falzerano a tentare il tiro dal limite con Vigorito che blocca in presa dal basso e poi Lisi, fuggendo al controllo della difesa avversaria, si trova dritto davanti al portiere ma ape troppo il piatto destro e non inquadra la porta. Al 60′ è Caso a tentare il contrappasso ma il tiro è facile presa di Chichizola. Ancora Lisi con un cross dalla sinistra a rientrare tenta di affondare il colpo ma senza esito.

L’ennesima opportunità nasce da un pallone perso da Palmiero con Carretta che attacca l’area avversaria ma il cross teso finisce di nuovo tra le braccia di Vigorito. Nel momento di maggior produzione di gioco del Grifo Situm sbuca in area rubando un pallone vagante e rientrato sul mancino incrocia sotto il sette, riportando i giochi in parità.

Il Perugia accusa il colpo e non sembra più avere la forza per rialzare la testa. Al 76′ è Matos a provarci di testa, ma manda fuori e di contro è Gori a impensierire di nuovo la difesa del Perugia.

Al 79′ intanto Rosi esce tra gli applausi dei tifosi che continuano con forza a trascinare i giocatori in campo. Al suo posto entra Curado. All’84’ Il Perugia va in superiorità numerica per doppio fallo di Palmiero su Burrai ed espulsione per somma di ammonizioni. Sei minuti di recupero per ribaltare il risultato ma l’unico sussulto è per una sponda di Carretta che per un tocco fortuito della difesa avversaria non arriva tra i piedi di Murgia ben appostato.

Pareggio deludente per i Grifoni che faticano sul piano del gioco contro un Cosenza raccolto ed organizzato. Continua però il preoccupante spreco di conclusioni sotto porta dei biancorossi che devono necessariamente migliorare per poter portare in cascina qualche vittoria.

 

IL TABELLINO

Reti: 51′ Rosi; 67′ Situm

Ammoniti: 17′ Lisi; 28′ Angella; 36′ Palmiero; 38′ Segre; 45′ Boultam; 84′ Palmiero (espulso per somma di ammonizioni); 88′ Ferrarini

Perugia (3-4-1-2): Chichizola; Rosi, Angella, Sgarbi; Falzerano, Burrai, Segre (46′ Santoro), Lisi (69′ Ferrarini); Kouan (84′ Murgia); Carretta, Murano (46′ Matos)

Cosenza (3-5-2): Vigorito; Tiritiello, Vaisanen, Rigione; Situm, Carraro, Palmiero, Boultam (64′ Vallocchia), Sy (64′ Corsi); Gori (89′ Gerbo), Caso (76′ Millico)


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist