Perugia – Carpi 2-0. Il Grifo torna alla vittoria senza soffrire e accorcia in classifica

Written by on 14/03/2021

Perugia – Carpi 2-0. Il Grifo torna alla vittoria senza soffrire e accorcia in classifica

14/03/2021

PERUGIA – Un Perugia a secco di vittorie da 4 partite torna al Curi dopo una settimana complicata per la sfida della trentesima giornata con il Carpi. Obiettivo dei Grifoni è quello di credere ancora in un possibile riaggancio al Padova e di mantenere anche il passo del Sud Tirol per la seconda posizione. Gli emiliani di Pochesci vogliono proseguire in maniera positiva con l’inerzia derivante dalla secca vittoria nel derby con il Modena per 3 a 0.
Fabio Caserta deve fare i conti con le scorie del recupero con il Cesena di mercoledì e con il turno infrasettimanale, l’ennesimo, che vedrà i suoi in campo a Gubbio.
Turno di riposo quindi ad Angella, sostituito da Monaco, con il resto della squadra del Manuzzi riproposto dal primo minuto. Davanti a Fulignati quindi la linea difensiva è composta da Elia, Monaco, Sgarbi e Crialese, a centrocampo Kouan e Moscati appoggiano Vanbaleghem, mentre in attacco Minesso cerca la forma migliore alle spalle di Melchiorri e Murano.
Pochesci invece si affida al talento del giovane Giovannini in attacco al fianco di De Cenco.

Si parte con il Perugia subito aggressivo ma impreciso nelle conclusioni su azione ne su un calcio di punizione di Moscati che alza sopra la traversa. A seguire su un pallone vagante in area da posizione favorevole ma defilata, Melchiorri prova la botta con il sinistro che sfila sul fondo a tre metri dalla porta. Il pressing alto delle squadra di casa impedisce al Carpi di uscire, facilitando la costruzione di gioco dei Grifoni che in dieci minuti producono una buona quantità di palloni da finalizzare. Su un buon triangolo stretto Murano, Minesso, Murano il pallone non arriva a Melchiorri per la chiusura di  Gozzi in calcio d’angolo con esperienza. Sempre Melchiorri sul fallo laterale di destra recupera un pallone da Lomolino, entra in area e prova ancora di sinistro. Nulla di fatto. Due palle goal di seguito per il Perugia mentre il Matelica è in vantaggio per 2 a o sul Padova: dapprima Melchiorri supera Gozzi in tunnel e mira la porta, con Rossi che toglie il pallone dalla porta alzandolo sopra la traversa; poi ancora Melchiorri incorna di testa su cross di Crialese ma il pallone sfila a lato.

Alla mezz’ora il primo tiro in porta per il Carpi con De Cenco che ci prova di prima contro Fulignati, un po’ troppo lontano dai pali. Bravo comunque il portiere biancorosso a deviare in angolo.

La più grande occasione della partita è per il Carpi su calcio di punizione, con Lomolino troppo solo che incorna da pochi passi e manca di pochissimo lo specchio della porta. Il Carpi col passare del tempo prende le misure ai Grifoni, neutralizza il centrocampo e con coraggio inizia ad affondare contro una difesa non sempre messa benissimo. Crialese è costretto a lasciare il campo per infortunio ed entra Alessandro Favalli. Aumenta il vento che soffia forte a favore dei Grifoni e su calcio di punizione di Moscati al 35′ il pallone prende una parabola lunghissima con il portiere che intercetta la sfera ma non riesce a trattenerla, Jacopo Murano è al posto giusto nel momento giusto e da pochissimi passi calcia sotto la traversa siglando l’1 a 0. L’ingresso di Favalli e il vantaggio conquistato aumenta velocità e spinta favorendo l’azione in profondità. Melchiorri  al 40′ si invola centralmente ed esplode un destro che Rossi toglie dalla porta con una grande parata. Nel finale di tempo possibilità di doppietta però è sempre sui piedi di Murano che tenta un pallonetto velenoso; Rossi insicuro riesce a rientrare al volo e a mandare il pallone sulla traversa.

Il secondo tempo si apre con un Carpi più aggressivo e il Perugia poco preciso in fase di manovra, forse con il vento che penalizza un po’ entrambe le squadre. La partita non riserva grandi emozioni e si gioca in interdizione diventando spigolosa. Nel frattempo il Matelica a Macerata continua ad allungare sul Padova portandosi addirittura sul 4 a 1, mentre il Perugia non trova l’occasione propizia per concretizzare il raddoppio e mettere il match più al sicuro. Alla fine però, dopo un paio di contropiede sprecati, i Grifoni trovano il 2 a o poco pirma della mezzora. Punizione da fermo dal limite dell’area con Mattia Minesso che si prende la responsabilità e mette il pallone dove non può arrivare Rossi: parabola sul primo palo che supera la barriera e s’insacca. Poco dopo De Sena sull’altro fronte tenta di riaprire il match ma Fulignati si fa trovare pronto sul suo sinistro, mentre Sgarbi è costretto a lasciare il campo per infortunio; al suo posto entra Cancellotti. Sui piedi di Minesso, rigenerato dal goal, un’altra occasione da rete: dalla distanza incrocia un bellissimo tiro di sinistro e Rossi con la mano di richiamo, disteso in tuffo, salva la porta. Cambi finiti per il Perugia e paura per i crampi di Monaco, che però riesce a rimanere in campo. Il Grifo controlla il risultato negli ultimi minuti di gioco e corre solo un brivido in pieno recupero sul sinistro di Ferretti che da pochi passi spara sul fondo. Finisce con la vittoria e l’inaspettato regalo del Matelica che riapre la lotta per il primo posto e qualche rimpianto in casa biancorossa per i punti buttati nelle ultime gare.

 

TABELLINO

Perugia (4-3-1-2): Fulignati; Elia, Sgarbi (75′ Cancellotti), Monaco, Crialese (30′ Favalli); Kouan (75′ Vano), Moscati, Vanbaleghem; Minesso; Murano (64′ Sounas), Melchiorri

Carpi (3-4-1-2): Rossi; Gozzi, Venturi, Sabotic (45′ Varoli); Marcellusi (59’Ghion), Bellini (69′ Ferretti), Fofana, Lomolino; Ceijas (59′ Bayeye); Giovannini, De Cenco (59′ De Sena)

Ammoniti: 12′ Sabotic; 35’Venturi; 60′ Monaco; 84′ Vano

Reti: 35′ Murano; 69′ Minesso


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist