IN ONDA

InBlu2000

Programmi del circuito nazionale

InBlu2000 è l’emittente della Conferenza episcopale italiana del cui circuito fa parte anche Umbria radio. Da radio InBlu arrivano i radiogiornali [...]


Info and episodes

PROSSIMO PROGRAMMA

GIORNALE RADIO

Marcia Perugia-Assisi, la voce del popolo della pace

Written by on 28/04/2022

Marcia Perugia-Assisi, la voce del popolo della pace

Presidente Tesei: "Basta parlare di guerra, tornare ai negoziati"

28/04/2022

Il popolo della pace. (Foto di Marcia della Pace)

Domenica 24 aprile si è tenuta un’edizione straordinaria della Marcia della Pace e della Fratellanza Perugia-Assisi per chiedere la fine della guerra in Ucraina. Allo slogan “Fermatevi! La guerra è una follia”, il corteo è partito attorno alle 9 da Perugia per arrivare ad Assisi, questa volta, nella piazza davanti alla basilica di San Francesco. In 10 mila hanno marciato per chiedere la pace, 156 Comuni, Province e Regioni, 53 Scuole, 88 Associazioni nazionali, 359 Associazioni locali. Ad aprire la manifestazione a Perugia Flavio Lotti, coordinatore del comitato promotore della marcia, insieme al sindaco di Perugia, Andrea Romizi, la presidente della Provincia, Stefania Proietti e la presidente della Regione Donatella Tesei. Lungo la Marcia, tante persone, giovani e meno giovani, che hanno testimoniato la loro partecipazione. Martino Tosti, lungo la strada, ha raccolto le voci del popolo della pace.

Le parole delle istituzioni

Flavio Lotti ha salutato i numerosi partecipanti e ha ricordato il motivo dell’edizione straordinaria della marcia, mostrando prima una bandiera dell’Ucraina e poi l’immagine delle due donne, una russa e l’altra ucraina, che durante la via Crucis a Roma hanno marciato insieme portando la croce. Ad aprire gli interventi delle istituzioni è stato il sindaco di Perugia Andrea Romizi che ha accolto il popolo della pace nella sua città, Perugia, ricordando l’importanza di marciare per la pace. Presente anche la presidente della provincia di Perugia, Stefania Proietti che ha ricordato come anche la Provincia sia contro ogni forma di guerra e quello che è l’impegno dell’ente che guida per sostenere la pace. A salutare i presenti anche la presidente della Regione, Donatella Tesei che ha sottolineato l’importanza dei negoziati per ritrovare la pace. “Non dobbiamo solo parlare di guerra – ha detto Tesei -, ma tornare ad insistere sul dialogo per tornare alla pace.

La voce del popolo della pace

Un popolo della pace con tante anime: associazioni, istituzioni e singoli cittadini, che hanno marciato insieme per far arrivare la voce della pace in tutto il mondo. Presenti tanti giovani, come Giulio 18 anni, scout di Firenze che ha partecipato alla Marcia insieme al suo gruppo, ma anche due ragazzi di 14 anni da Sinalunga arrivati a Perugia per “concretizzare la pace e dire no alla guerra, perché partecipando a questa iniziativa possiamo veramente fare la differenza”. Anche Corrado, 67 anni, da Varese ha deciso di tornare a Perugia dopo 30 anni dalla sua ultima marcia. “Ho ripreso a marciare per la pace – racconta ai microfoni di Umbria Radio, nel racconto nel corso del programma Mondo Migliore – perché ho sentito forte l’esigenza di chiedere la pace in Ucraina. Negli anni i pacifisti sono sempre stati un po’ ‘emarginati’ ma in questa guerra in particolare sono pochissime le voci che si alzano in nome della pace. Tutti ormai parlano solo di guerra e di strategie militari, ma per risolvere il conflitto la soluzione non può essere fornire armi, ma dobbiamo puntare molto di più sui negoziati. Più la guerra andrà avanti – conclude Corrado –  e più ci sarà distruzione”.  


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist