IN ONDA

PROSSIMO PROGRAMMA

  • 20:30

GIORNALE RADIO

Inchiesta sanità, anche M5S chiede elezioni anticipate: “È la fine di un regimetto opaco”

Written by on 12/04/2019

Inchiesta sanità, anche M5S chiede elezioni anticipate: “È la fine di un regimetto opaco”

12/04/2019

I consiglieri regionali del M5S Liberati e Carbonari

PERUGIA – Anche il MoVimento 5 Stelle attacca la giunta regionale dopo gli arresti che venerdì pomeriggio hanno colpito l’assessore alla Sanità Luca Barberini e il segretario regionale del Pd Gianpiero Bocci, oltre all’amministratore delegato dell’ospedale perugino Emilio Duca.

Regimetto opaco “Finisce nel modo più drammatico un ‘regimetto’ opaco che, sin dal 1970, ha governato e sgovernato l’Umbria, esautorando sistematicamente le persone libere, meritevoli e capaci, mentre la Regione precipitava progressivamente in un immobilismo tale da costringere -tuttora e ogni anno- migliaia di giovani ad andarsene, e tante imprese a chiudere”. Così i due consiglieri regionali pentastellati, Maria Grazia Carbonari e Andrea Liberati. “In questi anni il Gruppo M5S in Regione ha non soltanto presentato in Aula quasi 400 interrogazioni sui temi più scottanti -proprio a partire dai concorsi pubblici- ma ha anche inoltrato alle Procure decine e decine di segnalazioni su presunte anomalie relative all’estesa mala gestio politico-amministrativa della Regione Umbria. Pur con tutte le garanzie del caso – conclude la nota – è quindi evidente come la vicenda odierna rappresenti la pietra tombale su questo sistema politico e partitico: al riguardo, esigiamo dal PD l’immediata espulsione degli arrestati e la convocazione di elezioni anticipate”.


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist