‘Giorno del Ricordo’: l’Umbria non dimentica le vittime della tragedia delle Foibe

Written by on 10/02/2021

‘Giorno del Ricordo’: l’Umbria non dimentica le vittime della tragedia delle Foibe

"Il ricordo delle vittime delle Foibe è un'operazione di giustizia storica" dice la presidente della Regione, Donatella Tesei. Diversi i momenti di commemorazione e gli incontri di riflessione

10/02/2021

'Giorno del Ricordo': l'Umbria non dimentica le vittime delle Foibe

L’Umbria celebra il Giorno del Ricordo per non dimenticare tutti i martiri delle Foibe dell’esodo giuliano-dalmata e delle vicende del confine orientale.

Istituita con la Legge 92 del 30 marzo 2004 la commemorazione, in programma il 10 febbraio, ha lo scopo di conservare e rinnovare la memoria della tragedia che nel Secondo Dopoguerra ha coinvolto tanti italiani, istriani, fiumani e dalmati costretti all’esodo dalle loro terre. A partire dall’armistizio dell’8 settembre 1943 e fino al 1947 nei territori dell’Istria e della Dalmazia migliaia di italiani furono perseguitati dalle milizie del maresciallo Tito. Costretti a lasciare le loro case, molti furono fucilati e gettati in delle ampie voragini carsiche chiamate Foibe.

“Ricordare l’orrore delle Foibe e della pulizia etnica subita da tanti nostri connazionali -afferma la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei– rappresenta un’operazione di giustizia storica, un sincero pensiero che corre al vissuto di tante storie personali interrotte. Giornate come quella di oggi devono farci riflettere sul rispetto della vita.

Farci capire quanto le nostre libertà non siano un fatto acquisito, ma debbono essere conquistate, difese ed onorate ogni giorno. Si deve far sì che il sipario dell’indifferenza non cali sulle atrocità del passato e -conclude la presidente Tesei-  sugli insegnamenti che possiamo trarre dalla Storia“.

Diversi sono i momenti di commemorazione e gli incontri di riflessione organizzati nella nostra regione, in occasione del Giorno del Ricordo.

A Perugia, l’IsucIstituto per la Storia dell’Umbria Contemporanea ha tenuto ieri un incontro dedicato a Norma Cossetto medaglia d’oro al merito civile catturata e torturata atrocemente dai partigiani titini nel 1943 e gettata in una foiba, attraverso la testimonianza di sua cugina Diana. Sempre nel capoluogo di regione, questa mattina, a partire dalle ore 10, si è svolto l’incontro on line promosso dal Coordinamento Regionale ANPI Umbria sul tema La tragedia del Confine italo-sloveno. L’Italianizzazione forzata, le foibe, l’esodo Giuliano-Dalmata, tenuto da Valerio Strinati redattore della rivista Patria indipendente.

A Marsciano,  il Comune e l’Istituto omnicomprensivo Salvatorelli-Moneta hanno tenuto questa mattina a partire dalle 9.30 un appuntamento online con gli studenti, sulla web tv Vivere Marsciano Live (pagina Facebook Vivere Marsciano), cui hanno partecipato il sindaco Francesca Mele, il vicesindaco Andrea Pilati e il professor Paolo Anelli della Società di studi fiumani.

A Bastia Umbra, due gli eventi online a cura della Biblioteca comunale dedicati alle  scuole secondarie di secondo grado: la maratona di lettura Leggere è ricordare e il laboratorio creativo Leggere la storia è emozione.

A Giano dell’Umbria, questa mattina il sindaco Manuel Petruccioli, insieme al vice sindaco Jacopo Barbarito, hanno intitolato l’area verde di Collina Vagnoli a Bastardo ai Martiri delle Foibe, scoprendo una targa in ricordo della tragedia e deponendo una corona d’alloro.

A Spoleto, il Comune ha organizzato la conferenza on line Il dramma del popolo Giuliano-Dalmata: cos’è il Giorno del Ricordo in collaborazione con l’Associazione Fiumani italiani nel Mondo. L’incontro, a cui parteciperanno anche gli studenti delle scuole superiori collegati in videoconferenza,  prevede gli interventi di Franco Papetti, presidente dell’Associazione Fiumani Italiani nel Mondo e Antonio Concina, manager e politico, esule da Zara. L’incontro, si terrà venerdì 12 febbraio alle ore 10.30 e verrà trasmesso in diretta streaming nel canale YouTube del Comune di Spoleto.

A Magione, invece, l’assessorato alla Cultura del Comune  organizza un incontro online mercoledì 17 febbraio alle ore 18 sulla pagina Facebook Magione Cultura. Previsti gli interventi di Giovanni Stelli, storico, Presidente della società di Studi Fiumani su Identità e appartenenza nazionale nell’Adriatico orientale e di Marino Micich, direttore dell’Archivio-Museo storico di Fiume (Roma) su L’esodo dei Giuliano Dalmati e i problemi dei campi profughi in Italia.

A Terni,  con una breve cerimonia una corona d’alloro è stata deposta sotto la targa di via Vittime delle Foibe, sul lato di via Guglielmi. Inoltre, la Biblioteca comunale (Bct),  suggerisce un percorso di approfondimento sul tema  Per spezzare il tempo del silenzio attraverso l’allestimento di una vetrina  visibile da piazza della Repubblica, una bibliografia e una sitografia consultabili sul proprio sito web e invita alla lettura di tre libri: Esilio di Enzo Bettiza, Materada di Fulvio TomizzaSenza salutare nessuno. Un ritorno in Istria di Silvia Dai Pra’.

Infine, ad Amelia in occasione del Giorno del Ricordo, questa sera dalle ore 18, Porta Romana sarà illuminata con i colori della bandiera italiana.

 

 


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist