Filiera umbra del tabacco : continua l’impegno a sostegno del settore

Written by on 10/12/2020

Filiera umbra del tabacco : continua l’impegno a sostegno del settore

Rinnovato l’investimento di 28 milioni di euro per l’anno 2021, da parte di JTI e TTI. L'annuncio, a margine di un webinar cui ha partecipato il Ministro Bellanova

10/12/2020

Operai della Filiera umbra del tabacco

CITTA’ DI CASTELLO- Filiera umbra del tabacco : continua l’impegno a sostegno del settore. Un impegno che va avanti dal 2012 quello fra JTI Italia e TTI per il sostegno alla filiera tabacchicola italiana e la sua valorizzazione. L’investimento, confermato già per il 2020 con l’acquisto di otto mila tonnellate di tabacco lavorato da parte di JTI, si rinnova con un ulteriore accordo per il 2021 di 28 milioni di euro. Lo ha annunciato ufficialmente il presidente e amministratore delegato di JTI Italia Gian Luigi Cervesato durante l’incontro La filiera del tabacco, quale futuro? 

Questo, è quanto è emerso nel corso del webinar, al quale sono intervenuti, tra gli altri, Massimiliano Giansanti, presidente di ConfagricolturaDino Scanavino, presidente CIA – Agricoltori ItalianiFabio Rossi, presidente TTI (Trasformatori Tabacco Italia) e anche le Istituzioni con l’assessore all’agricoltura della Regione Umbria Roberto Morroni e Teresa Bellanova, Ministro delle Politiche agricole, Alimentari e Forestali.

Almeno settemila tonnellate di tabacco italiano provenienti dal distretto di eccellenza dell’Alta Valle del Tevere e delle zone vocate della Bassa Veronese verranno acquistate dal Gruppo con l’obiettivo di contribuire alla stabilità del comparto a conferma della rilevanza che assume per il settore agricolo nazionale e per l’economia del territorio. 

Eccellenza e innovazione sono i punti chiave del dialogo fra JTI e il territorio umbro e veneto che si è consolidato grazie a importanti accordi di natura commerciale dedicati al sostentamento della produzione di tabacco Made in Italy per un totale investito nel biennio 2020 2021 di  sessanta milioni di euro. Un sostegno che non si è esaurito solo con accordi economici ma che ha visto, grazie al supporto alla ricerca e all’innovazione, lo sviluppo di nuove pratiche agricole sempre più sostenibili, in linea con l’impegno dell’azienda in questa direzione e che ha portato a migliorie su tutti i livelli di produzione, rendendo la Filiera umbra del tabacco una vera eccellenza declinata dalla coltivazione fino alla sua lavorazione. La produzione di tabacco Made in Italy ha raggiunto un livello di specializzazione straordinario, volano economico per tutto l’indotto dell’Alta Valle del Tevere, che impiega circa duemila lavoratori, una produzione d’eccellenza certificata dall’Agricoltural Labour Practices e sostenibile che guarda al rispetto dell’ambiente e alle energie rinnovabili.

“Un settore, quello del tabacco, imprescindibile per la nostra regione -ha affermato l’assessore all’agricoltura della Regione Umbria Roberto Morroni– che riveste una valenza economico e sociale importante. Settore, che rappresenta una avanguardia in tutti e tre gli assi che abbiamo scelto per il futuro della nostra agricoltura : aggregazione, qualità e innovazione. L’Umbria, con il distretto dell’Altotevere, è al centro della tabacchicoltura nazionale che si deve impegnare per dare una spinta agli accordi con le multinazionali”.

Anche per il Ministro delle Politiche agricole Teresa Bellanova, gli accordi e i contratti di filiera devono assumere un ruolo centrale per la strategicità di un comparto come quello del tabacco.

“Le multinazionali -ha spiegato- devono acquistare tabacco da una agricoltura virtuosa come quella italiana, con il distretto dell’Altotevere, che  è un modello di applicazione di buone pratiche di lavoro”.


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist