Covid, in Umbria calo degli attuali positivi mentre si registrano altri dieci morti

Written by on 16/03/2021

Covid, in Umbria calo degli attuali positivi mentre si registrano altri dieci morti

Sostanzialmente stabile il quadro dei ricoverati in ospedale. Prosegue la campagna vaccinale per gli over 80 , dopo il blocco delle dosi AstraZeneca

16/03/2021

Test Covid

In Umbria calo degli attuali positivi al Covid mentre si registrano altri dieci morti

PERUGIA- Continua in Umbria il decremento degli attualmente positivi al Covid, ora 5.905 (ottantadue in meno rispetto a ieri). E’ il quadro che emerge dai dati pubblicati dalla dashboard del sito della Regione, aggiornati al 16 marzo. Questo, mentre vengono segnalati altri dieci morti (su 1.171 in totale dall’inizio della pandemia). Sempre nell’ultimo giorno, sono stati registrati centocinquantanove nuovi positivi e duecentotrentuno guariti. Analizzati 3.883 tamponi e 3.188 test antigenici ,con un tasso di positività al Covid totale del 2,2 per cento (era il 2,7 % lo stesso giorno della scorsa settimana) e del 4 per cento sui soli molecolari (era al 4,8%).

Sostanzialmente stabile il quadro dei ricoverati in ospedale, quattrocentottanta (uno meno di ieri), settantotto dei quali (quattro in più) nei reparti di terapia intensiva.

 

Prosegue il piano vaccinale

Dopo il blocco delle vaccinazioni con AstraZeneca la Regione Umbria prosegue il piano vaccinale con vaccino Pfizer e Moderna: lo comunica il commissario per l’emergenza Covid, Massimo D’Angelo, sottolineando che oggi i punti vaccinali stanno proseguendo l’attività vaccinando gli over 80 come previsto nel piano vaccinale.

 “In attesa delle indicazioni di Aifa e Ema -ha detto D’Angelo- la Regione sta riorientando la campagna vaccinale con lo scopo di anticipare ad aprile la vaccinazione degli over 80 già prenotati a maggio.

Questo passaggio è stato deciso per garantire un intervento di massa e implementare l’attività vaccinale anche in questa fase in cui la vaccinazione con AstraZeneca ha subito un arresto.

Inoltre, abbiamo avviato un proficuo confronto con i medici di medicina generale per coinvolgerli nella vaccinazione dei cittadini di età compresa tra i 70 e 79 anni. I medici potranno, inoltre, valutare interventi vaccinali su una fascia importante della popolazione come è appunto quella delle persone estremamente vulnerabili che si sta procedendo ad individuare nominalmente,  eleggibili alla vaccinazione con dosi di Moderna anche a domicilio, solo nei casi in cui queste persone non riescano a spostarsi dalla propria abitazione.

Il 20 marzo -ha concluso il commissario-  attendiamo una nuova consegna di vaccino Moderna“.

 

“Abbiamo ricevuto le sedici mila dosi di vaccino Pfizer che avevamo sollecitato nei giorni scorsi al Governo”. Lo annunciano la presidente della Regione, Donatella Tesei e l’assessore regionale alla Sanità Luca Coletto in merito dell’arrivo delle dosi che erano di spettanza dell’Umbria nella suddivisione nazionale rispetto alla popolazione regionale, ma che non erano state inviate.

“La nostra interlocuzione con i vertici nazionali -hanno affermato- ci ha permesso di colmare la mancanza che ci vedeva deficitari rispetto ad altre realtà regionali. Ora rimaniamo in attesa anche dei cinquantamila vaccini che abbiamo richiesto e sollecitato più volte, in virtù alla presenza e diffusione delle varianti del virus individuate nelle scorse settimane nella nostra regione”.


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist