Covid, in lenta discesa in Umbria la curva epidemica con un Rt dello 0,98

Written by on 29/04/2021

Covid, in lenta discesa in Umbria la curva epidemica con un Rt dello 0,98

E' quanto è stato comunicato dalla Regione nella conferenza stampa di aggiornamento settimanale. Nell'ultimo giorno, invece, torna ad aumentare il numero dei pazienti positivi. Domenica 9 e 16 maggio, Vaccine day per i cittadini estremamente vulnerabili

29/04/2021

gr

Una vaccinazione

PERUGIA- In lenta discesa in Umbria la curva epidemica con un Rt dello 0,98, è quanto stato comunicato nel corso della conferenza stampa di aggiornamento settimanale relativa alla gestione dell’emergenza Covid sul territorio regionale.

A sottolinearlo, sono stati Marco Cristofori e Carla Bietta, del nucleo epidemiologico spiegando che il calo negli ultimi giorni sembra essersi quasi fermato, legando l’andamento ai numeri sempre più piccoli e alla forte presenza di varianti sul territorio. Un dato, calcolato sugli ultimi giorni, che conferma anche una discesa dei ricoveri ordinari mentre sono stabili le terapie intensive.

L’Umbria si conferma, quindi, anche in quest’ultima settimana tra le regioni con incidenza più bassa di casi Covid per cento mila abitanti, seconda solo dopo il Molise e la Provincia autonoma di Bolzano.

E come tasso di letalità (quota dei deceduti rispetto al totale dei positivi), secondo l’aggiornamento del Ministero della Salute, tra le ultime regioni, per la precisione sestultima con un 2,5% (media italiana del 3%). Un quadro compessivo, come è stato sottolineato, che presenta un leggero aumento degli attualmente positivi, evidenziando che è stato lasciato ormai alle spalle il picco degli otto mila contagi registrati in piena fase di terza ondata. L’andamento dell’incidenza per cento mila abitanti vede come media regionale 78,26 casi (80,67 una settimana fa).

Tutti i distretti sanitari sono sotto quota centocinquanta, a parte l’Alto Chiascio (centocinquantatre). Tra i comuni è Montefalco, l’unico sopra i duecento casi.

“Dati confortanti -hanno spiegato Marco Cristofori e Carla Bietta- ma occorre avere uno sguardo attendo su come evolveranno i prossimi giorni. Perché dobbiamo aspettarci un aumento dell’incidenza visto il rallentamento delle restrizioni. Con la curva epidemica che scende, se pur lentamente, va sottolineato che i soggetti fino a 24 anni hanno una coda di risalita dei contagi, anche perché fasce di età dove non c’è impatto del vaccino, con un’incidenza sopra il dato medio regionale. Gli over 70 e più anziani, si attestano, invece, al di sotto della media. I decessi, sembrano fermarsi un po’, con pochi casi al massimo che interessano la popolazione”.

In aumento gli attualmente positivi al Covid

Nell’ultimo giorno, invece, tornano ad aumentare in Umbria gli attualmente positivi al Covid, oggi 2.955 (quarantasette più di ieri) secondo i dati della dashboard del sito della Regione, aggiornati al 29 aprile. Registrati inoltre centottantotto nuovi positivi, centoquaranta guariti e un morto.

Analizzati 2.747 tamponi e 5.489 test antigenici con un tasso di positività del 2,2 per cento sul totale (ieri era al 1,4%) e del 6,8 per cento sui soli molecolari (ieri era al 3,47%).

In aumento anche i ricoverati in ospedale, duecentodue (nove più di ieri), mentre rimangono stabili i pazienti nelle terapie intensive in tutto trentatre.

 

Vaccine Day il 9 e il 16 maggio

“L’Umbria con 295 mila 512 dosi di vaccino somministrate si colloca prima tra le regioni italiane. Ma il numero di dosi di vaccino inoculate non va intesa come una gara, bensì come un importante indicatore per misurare l’efficienza delle nostre strutture, del coordinamento sul territorio e della distribuzione corretta dei professionisti, medici e infermieri che operano nei punti vaccinali”.

A fornire il dato, è stato l’assessore alla Salute della Regione Umbria, Luca Coletto, sempre nel corso della conferenza stampa di aggiornamento settimanale.

“La curva epidemiologica si sta stabilizzando -ha detto l’assessore Coletto- e l’obiettivo che ci poniamo, con l’auspicio di avere a disposizione i vaccini, è quello di immunizzare in tempi brevi la popolazione. Sul fronte delle vaccinazioni, dopo il buon risultato della scorsa domenica dedicata all’immunizzazione degli over 80, pensiamo di programmare altri due Vaccine day nelle domeniche del 9 e 16 maggio per anticipare la vaccinazione di 10.000 soggetti vulnerabili già prenotati a giugno e ai quali verrà somministrato il vaccino Pfizer già assegnato”.

L’assessore ha reso noto inoltre, che la prenotazione si può effettuare anche su SanitApp. Per accelerare la vaccinazione degli over 80 nelle aree più decentrate, un team vaccinale dell’Esercito vaccinerà a domicilio per evitare a questa fascia della popolazione spostamenti, mentre tra il 15 e il 20 di maggio si prevede di completare la vaccinazione per i soggetti di età compresa tra i 70 e 79 anni.


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist