Covid, i primi dati degli effetti sull’economia umbra. Bankitalia: “Caduta senza precedenti”

Written by on 12/11/2020

Covid, i primi dati degli effetti sull’economia umbra. Bankitalia: “Caduta senza precedenti”

L'aggiornamento congiunturale sui vari settori economici presentato da Banca d'Italia

12/11/2020

crisi d'impresa

Crisi d’impresa: la Regione Umbria presenta una task force per la gestione

PERUGIA – Arrivano i primi dati sugli effetti dell’emergenza sanitaria per Covid sull’economia umbra. Giovedì mattina si è svolta la videoconferenza della Banca d’Italia durante la quale è stata illustrata la situazione economica nella nostra regione nell’ultimo anno con evidenti effetti dell’emergenza sanitaria sui vari comparti. Il rapporto evidenzia una “caduta senza precedenti dell’economia regionale” nella prima parte del 2020, con “contrazione molto marcata” in connessione con gli effetti dell’epidemia di Covid, mentre nel terzo trimestre l’attività economica umbra registra una ripresa ma con recupero “molto parziale”.

Calo del Pil umbro dell’11%

Soprattutto nella prima parte del 2020 l’economia umbra registra una contrazione molto marcata, mentre nel terzo trimestre l’attività ha mostrato una ripresa anche se molto parziale rispetto a quanto perso in primavera. Secondo le stime formulate dalla Svimez per l’intero anno si conta un calo del PIL umbro di circa l’11%, più marcato rispetto a quello previsto per l’Italia (che si dovrebbe assestare al -9,5%. Nell’industria, tutti i settori – ad eccezione di quello alimentare – hanno avuto una diffusa flessione delle vendite. Il calo più accentuato nell’abbigliamento, nel settore dei metalli e della meccanica. Ordini e fatturato hanno ripreso a crescere d’estate, senza però tornare ai livelli del 2019. Pesanti ricadute anche sull’edilizia per oltre due terzi delle imprese anche se, in prospettiva, il settore potrebbe riprendersi grazie alle recenti agevolazioni sugli incentivi fiscali e di snellimento burocratico per la ricostruzione post-sisma. Il settore più colpito: quello dei servizi, a causa della prolungata chiusura di molte attività e delle misure di distanziamento per il contenimento del virus. In calo i consumi delle famiglie, soprattutto per alloggi, ristorazione e commercio al dettaglio non alimentare. Gli effetti dell’emergenza sono stati immediati ed intensi soprattutto per il settore turistico: nei primi otto mesi dell’anno arrivi e presenze si sono dimezzati rispetto allo stesso periodo del 2019. Perdite, compensate solo in piccola parte dal forte incremento dei turisti di agosto. Infine, peggiorano le condizioni reddituali delle imprese umbre, sempre di più quelle che chiuderanno l’esercizio in perdita da qui la revisione al ribasso dei piani di investimento. Nel mese di settembre ci si aspettava una ripresa, seppur modesta dell’attività economica: aspettative che però potrebbero essere infrante visto l’aggravarsi dell’emergenza sanitaria.


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist