Città della Pieve, insulti sui social al difensore della madre del bimbo ucciso

Written by on 07/10/2021

Città della Pieve, insulti sui social al difensore della madre del bimbo ucciso

Si tratta di Enrico Renzoni, del Foro di Perugia, difensore della donna fermata a Città della Pieve perché accusata dell'omicidio del figlio

07/10/2021

Fiori lasciati sul cancello che porta al casolare abbandonato di Po’ Bandino

Fiori lasciati sul cancello che porta al casolare abbandonato di Po’ Bandino

Insulti sui social, a commento di alcuni articoli sulla vicenda, sono stati rivolti all’avvocato Enrico Renzoni, del Foro di Perugia, difensore della donna fermata a Città della Pieve perché accusata dell’omicidio aggravato del figlio di due anni. “Sto valutando azioni legali” ha spiegato all’Ansa lo stesso penalista.  “E’ intollerabile – ha detto ancora l’avvocato Renzoni – che ci sta svolgendo il proprio lavoro sia sottoposto a una gogna mediatica di questo genere”.

La solidarietà

“Piena solidarietà e vicinanza” sono stati espressi a Renzoni dal Consiglio dell’Ordine di Perugia che ricorda come il legale sia “‘colpevole’ solo di avere adempiuto al proprio ruolo difensivo, costituzionalmente previsto e garantito”. “Simili biasimevoli atteggiamenti – aggiunge l’Organismo presieduto da Stefano Tentori Montalto – ledono non solo l’immagine del collega ma dell’Avvocatura tutta: non può in alcun modo legittimarsi tale linciaggio mediatico solo perché il collega è stato chiamato a difendere una persona accusata di aver commesso un delitto, seppur efferato. Inoltre il compito garantito dal difensore di ufficio è la massima espressione del ruolo costituzionalmente attribuito alla difesa, integrando per gli avvocati una ulteriore responsabilità sociale ovvero la necessità di farsi garanti del corretto funzionamento del procedimento penale”.


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist