IN ONDA

Playlist musicale


Raccolta di brani italiani e stranieri ! tutte le ultime uscite musicali in un programma veloce e brillante


Info and episodes

PROSSIMO PROGRAMMA

GIORNALE RADIO

Brescia – Perugia 3-2. Il Grifo coltiva il sogno per due volte ma deve arrendersi nel finale

Written by on 14/05/2022

Brescia – Perugia 3-2. Il Grifo coltiva il sogno per due volte ma deve arrendersi nel finale

14/05/2022

Finalmente è arrivato il giorno del primo turno Play off per il Perugia. La squadra di Alvini ha a disposizione solo la vittoria per passare il turno sul terreno del Rigamonti dove affronta il Brescia meglio piazzato in classifica e dunque con il vantaggio del fattore campo e del pareggio al temine dei 120 minuti.

Per Massimiliano Alvini assente Rosi infortunato, mentre non sono al meglio Angella, Dell’Orco, Lisi e Matos. Il tecnico del Perugia conferma la difesa scesa in campo contro il Monza con Sgarbi, Dell’Orco e Curado davanti a Chichizola. A centrocampo Kouan torna titolare con Burrai e Segre, mentre in attacco Olvieri sostituisce Matos al fianco di De Luca.
Corini invece ha a disposizione tutta la rosa dopo il recupero di Ayé e di Proia. Il tecnico bresciano sceglie Bertagnoli a centrocampo al posto di Van De Loi, e affida l’attacco a Moreo e all’esperinza di Palacio.

La prima azione pericolosa del match è del Brescia con Bertagnoli che sugli sviluppi di un calcio di punizione calcia verso la porta ed è deviato in calcio d’angolo. Beghetto manda alto il pallone sopra la porta sulla battuta del corner.

Sul fronte opposto Beghetto va in profondità dalla sinistra crossa per la testa di Kouan che si fa trovare al posto giusto al momento giusto e sigla il vantaggio. Il muro dei tifosi Perugini che hanno invaso di rosso tutto il settore ospiti esplode di gioia ammutolendo il Rigamonti.

Al quarto d’ora Moreo in area colpisce di testa senza che Curado possa intervenire e fa passare un brivido sulla schiena dei cuori biancorossi.

Il primo cartellino giallo del match è per Tramoni: Burrai lo strattona procurando una punizione al Brescia ma il giocatore avversario reagisce in maniera troppo veemente e viene sanzionato.

Alla mezz’ora di gioco è Falzerano ad affondare sulla destra crossando: il portiere avversario blocca in presa alta. Ancora Perugia e ancora un pallone recuperato a centrocampo con Burrai che serve De Luca ma dalla destra in girata colpisce non pulitissimo e il pallone va sul fondo. Nell’azione successiva al vertice destro dell’area di rigore Adorni ferma irregolarmente De Luca prendendosi anche un cartellino giallo. Burrai va sul pallone per calciare verso la porta ma viene ribattuto e da fuori area Falzerano calcia senza inquadrare l’obiettivo.

Il Brescia torna ad avvicinarsi alla porta con Bertagnoli ma Burrai c’è e recupera il pallone.

Da una bella azione triangolata tra Beghetto, Segre e Burrai nasce l’ennesima azione d’attacco con Beghetto che dipinge un altro cross perfetto al centro dell’area per la testa di Kouan che però non riesce ad arrivarci e sul tocco di Falzerano la difesa manda in angolo. Burrai calcia e Curado di testa manda di lato alla porta di un soffio.

A centrocampo Palacio scivola innescando l’azione di Falzerano che appoggia lungo per Olivieri che va in dribbling dalla destra in area ma l’assist al centro è debole e la difesa ribatte, Segre recupera e allunga su De Luca che dal dischetto dell’area di rigore non riesce a colpire bene la sfera.

Al 45’ Olivieri crossa dalla destra per la testa di Kouan ad un passo dalla porta, stavolta la sua schiacciata di testa esce di poco.

Allo scadere del recupero, al 47’, il Brescia pareggia su calcio di rigore con Pajac, decretato per un tocco di mano di Curado piuttosto dubbio e rilevato dal var che richiama l’arbitro Forneau.

Il secondo tempo si apre con Dell’Orco sostituito da Zanandrea. Al quinto minuto Beghetto propone l’ennesimo cross pennellato sul secondo palo, Falzerano recupera e serve Olivieri al vertice dell’area di rigore che tira una botta di destro verso l’angolino. Joronen è costretto a distendersi per mandare in angolo.

Kouan recupera l’ennesimo pallone a centrocampo e duetta con Segre che serve Olivieri. Il numero undici porta a spasso la difesa e libera tre giocatori biancorossi ma all’impatto di testa col pallone De Luca manda alto.

Sull’altro fronte è Tramoni a provarci da lontano puntando l’incrocio dei pali ma i pugni di Chichizola salvano la porta, proprio prima dell’uscita di Tramoni e di Pajac.

Il ritmo della partita cala drasticamente e le due squadre si allungano senza particolari emozioni da una parte e dall’altra. Il caldo e le energie spese addormentano il gioco con il Brescia sostanzialmente chiuso a interdire ogni spazio di gioco agli ospiti.

Al 78’ è Bertagnoli che al limite dell’area riceve un pallone e tenta il tiro, mandato fuori. Mentre il Perugia è in zona d’attacco Zanandrea perde un brutto pallone che fa scattare il contropiede avversario. Jagiello tira e Chichizola para, manda in corner e poi rischia l’infortunio ma rimane in campo.

Beghetto, che nella partita ha prodotto una gran serie di palloni utili, crossa l’ennesimo pallone, che a ulla mischia il pallone schizza verso Santoro che insacca di destro, ma l’arbitro vede un fallo inesistente di Curado e annulla.

Nel recupero Jagiello va sul fondo e crossa, Lleris in tuffo di testa colpisce fuori.

Alvini e i tifosi del Perugia spingono la squadra più che possono nell’ultimo giro di orologio mentre Matos continua ad essere costantemente abbattuto e Zanandrea falciato alle spalle. Dopo 4 minuti di recupero si va ai supplementari.

Si riparte con Van de Looi che prende il posto di Leris.

I passaggi iniziano a essere un po’ imprecisi da entrambe le parti, del resto la tensione e la stanchezza si fanno sentire.
Sgarbi ci prova da solo ma niente di fatto e sull’altro fronte è Aje’ a tentare il tiro senza inquadrare la porta.
Beghetto dopo una grandissima partita esce lasciando il posto a Carretta.
Il primo pallone toccato da Carretta viene portato di gran carriera dalla destra e al limite dell’area invece che tentare l’azione personale taglia l’area per Matos. Il brasiliano entra in area e tira rasoterra, la deviazione di Cistana cambia la traiettoria del pallone lasciando Joronen inchiodato a terra prima di insaccarsi alle sue spalle. Vantaggio dei Grifoni ed esplosione del settore ospiti mentre le ombre della sera si distendono sul Rigamonti.
Inizia il secondo tempo supplementare e il neo entrato Bianchi salta il centrocampo del Perugia totalmente sbilanciato dalla stanchezza, taglia l’area e Aje’ non ha altro da fare che appoggiare in rete.
Svanito il vantaggio Perugia si riversa nell’area avversaria: sul lancio lungo di Chichizola De Luca tenta un tiro al volo da posizione molto defilata ma l’impresa balistica non riesce.
Il Brescia riparte ed è Bianchi a chiudere i giochi battendo una squadra, una difesa e un portiere a cui veramente quest’anno non si può chiedere di più: una grande partita, un cuore immenso, onore, grinta, dedizione, fatica e, alla fine, lacrime. Alvini e i ragazzi chiudono la stagione sotto la tifoseria biancorossa abbracciandosi reciprocamente per una squadra che ha onorato profondamente la città e una città che ha confermato il suo eterno amore ai colori e a ognuno di questi ragazzi, sempre spronati, seguiti e condotti da un allenatore a cui niente di niente si può rimproverare.

IL TABELLINO

Reti: 10’ Kouan; 47’ Pajac (R); 102’ Matos; 106’ Aje’ ; 118’ Bianchi

Ammoniti: 23’ Tramoni; 31’ Adorni; 40’ Dell’Orco; 47’ Burrai; 90’ Moreo

Brescia (4-3-1-2): Joronen; Sabelli (106’ Bianchi) Cistana, Adorni, Pajac (60’ Huard) Bertagnoli (83’ Proia) Bisoli, Leris (96’ Van de Looi) Tramoni (60’ Jagiello) Moreo, Palacio (83’ Aye’)

Perugia (3-5-2): Chichizola; Sgarbi, Curado, Dell’Orco (46’ Zanandrea) Falzerano (73’ Ferrarini) Segre (63’ Santoro), Burrai, Kouan ( 73’ D’Urso) Beghetto (100’ Carretta) Olivieri (87’ Matos) De Luca


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist