IN ONDA

InBlu2000

Programmi del circuito nazionale

InBlu2000 è l’emittente della Conferenza episcopale italiana del cui circuito fa parte anche Umbria radio. Da radio InBlu arrivano i radiogiornali [...]


Info and episodes

PROSSIMO PROGRAMMA

GIORNALE RADIO

‘Baby gang’: noi cosa facciamo?’: un inchiesta su La Voce

Written by on 04/08/2022

‘Baby gang’: noi cosa facciamo?’: un inchiesta su La Voce

Interessante approfondimento nel numero 29 di venerdì 5 agosto del settimanale d'Informazione dell'Umbria

04/08/2022

Baby gang

'Baby gang: noi cosa facciamo ?' un inchiesta di approfondimento sull'ultimo numero del settimanale 'La Voce'

Baby gang: noi cosa facciamo?”: se lo chiede il settimanale cattolico La Voce che,  nel suo ultimo numero, già online, analizza la questione con un approfondimento.

“Sono gruppi di adolescenti -scrive Riccardo Liguori nell’editoriale in prima pagina- figli a volte di extracomunitari ma anche di italiani, che spesso non si rendono conto che le loro bravate (come le definì il Manzoni) sono dei veri e propri reati. Prepotenza e bullismo spesso degenerano nell’illegalità. Siamo in piena emergenza educativa, accentuata dalle conseguenze della pandemia, ma non riguarda solo gli adolescenti.

Alcuni di loro hanno frequentato il catechismo e l’oratorio, ma cosa gli è rimasto degli insegnamenti umani e cristiani ricevuti dagli adulti? Poco o nulla! Per questo sulle baby gang dobbiamo interrogarci a fondo come adulti, dai rappresentanti delle istituzioni civili preposte in materia alla Chiesa.

A richiamare l’attenzione sul fenomeno è stato di recente un giovane parroco perugino don Nicolò Gaggia. Si tratta di una vera e propria denuncia del degrado sociale dovuto a ‘un disagio minorile che sta sfociando, in una certa forma, in criminalità’, sostiene don Nicolò. Fenomeno, su cui si registra l”omertà degli adulti.

Alla politica, alle istituzioni civili, religiose e scolastiche -si legge ancora- rivolgiamo il nostro appello: le baby gang non abbiano futuro! Come? A iniziare dal contenere con politiche efficaci un altrettanto inquietante fenomeno da cui traggono linfa le stesse gang: la dispersione/evasione scolastica che in Umbria, dagli ultimi dati Istat elaborati, supera l’11%”.

Baby gang, il parere dell’insegnante e scrittore Roberto Contu

Il settimanale ha anche chiesto un parere a Roberto Contu, insegnante e scrittore.

“C’è una forte esigenza di gruppo -ha spiegato, fra l’altro, Contu- perché il gruppo ci dà un’identità, e questa esigenza sta aumentando perchè nella nostra società sono venuti meno i luoghi di aggregazione, come il muretto o la piazza. La speranza -ha osservato- va sempre tenuta alta. Questa generazione sta in un deserto ma ricordiamoci che molti giovani fanno cose bellissime”.


Umbria Radio in Streaming

Streaming

Current track

Title

Artist